Nuovo metodo per ottenere cellul…

Possibile rivoluzione nel…

Olio extravergine di oliva: perc…

Che l’olio extravergine d…

Sclerosi Multipla: una nanoparti…

Un tipo di nanoparticella…

Cancro colon-retto: diagnosi pre…

Insieme alle neoplasie de…

Scoperta una nuova categoria di …

Gli acidi grassi FAHFA pr…

Cervello in adolescenza: più pro…

Gli adolescenti sono più …

Batterio intestinale: il process…

Scienziati della Universi…

L'allungamento delle ossa: qual'…

La differenziazione nella…

Tbc: Scoperto un nuovo meccanism…

[caption id="attachment_1…

Alzheimer: basso rischio di tumo…

Il rischio di avere un …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cocaina: potrebbe essere una predisposizione cerebrale che porta alla dipendenza

I risultati dello studio spiegherebbero almeno in parte perché alcuni soggetti sono più a rischio di dipendenza dalle sostanze.

I ricercatori del Behavioural and Clinical Neuroscience Institute (BCNI) dell’Università di Cambridge hanno identificato alcune anomalie nelle strutture cerebrali nel lobo frontale di consumatori abituali di cocaina: proprio a esse sarebbe legato il comportamento compulsivo di uso della sostanza.

Secondo quanto viene riferito in un articolo apparso sulla rivistaBrain, i ricercatori, guidati da Karen Ersche, hanno effettuato scansioni dei cervelli di 120 soggetti, metà dei quali dipendenti dalla cocaina. Essi hanno così trovato che questi ultimi avevano un’estesa perdita di materia grigia, direttamente proporzionale alla durata dell’uso della sostanza e questa riduzione di volume era associata a una maggiore compulsione al consumo.

Inoltre, si è riscontrato come le regioni cerebrali che sovrintendono ai meccanismi di ricompensa sulle quali la cocaina esercita la sua azione (i gangli della base) fossero significativamente più ampie nei consumatori di cocaina; ma l’entità di questo aumento non era correlata alla durata della dipendenza. I ricercatori ritengono che siano proprio queste alterazioni nel sistema di ricompensa cerebrale a predisporre gli individui agli effetti della droga e alla dipendenza.

“Questi risultati ci forniscono informazioni importanti sul perché alcuni soggetti siano più vulnerabili alla dipendenza dalle droghe”, ha commentato Ersche. “Non solo ciò è importante per lo sviluppo futuro di interventi terapeutici per questo tipo di problemi, ma anche per per mettere a punto strategie di prevenzione”.

 

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi