Spesa farmaceutica: non c’è equi…

Roma, 8 gennaio 2016 – “N…

Contraccettivi ormonali ma non o…

Contraccettivi ormonali n…

Un corso ECM FAD perché il farma…

Roma, 4 novembre 2014- E’…

Ebola: anticorpo sviluppato in l…

Scoperta una proteina rec…

Scoperta funzione antitumorale d…

Scoperta funzione antitum…

La cultura "di ferro" anti-anemi…

Le ragazze italiane a…

Equivalenti leva fondamentale pe…

La relazione annuale dell…

Il segreto della resistenza dell…

Secondo lo studio, sarebb…

Insufficienza pancreatica esocri…

[caption id="attachment_7…

Le centraline energetiche delle …

Nuove prove speriment…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Una forma di Alzheimer rilevabile fino a 20 anni prima grazie ad un biomarcatore

Esiste una forma di Alzheimer ereditaria molto rara che colpisce generalmente in eta’ precoce rispetto alla media. Nasce da una mutazione genetica che garantisce che una persona sviluppera’ la malattia, anche se solo un genitore la trasmette.

Nella stragrande maggioranza dei casi di Alzheimer, tuttavia, la malattia insorge attraverso una complessa interazione di fattori genetici e ambientali che rimane ancora poco chiara. Su questi pazienti si e’ concentrato lo studio di Randall Bateman, docente della Washington University School of Medicine al fine di trovare dei biomarcatori in grado di rilevare con anticipo l’esordio della malattia. I risultati dello studio, appena presentati alla Alzheimer Association International Conference di Parigi sembrano promettenti. Secondo quanto scrive l’Osservatorio Malattie Rare sembrerebbe infatti che misurando alcuni specifici cambiamenti chimici nel cervello si possano cogliere i segnali della malattia addirittura 20 anni prima della comparsa dei primi sintomi. Per ora i risultati dello studio possono essere applicati solo a una piccola frazione – meno dell’1 per cento – dei malati di Alzheimer, quelli appunto affetti dalla variante rara.

Tuttavia la scoperta potrebbe avere una portata piu’ ampia poiche’ la capacita’ di identificare i primi segnali di pericolo chimico nel cervello ha in se’ la prospettiva di un trattamento preventivo, non solo per questi pazienti, ma forse anche per quelli colpiti da forme piu’ comuni della malattia. “Vogliamo evitare danni e perdita di cellule cerebrali – hanno spiegato durante il convegno di Parigi – intervenendo precocemente nel processo della malattia, anche prima che i sintomi esteriori siano evidenti, perche’ a quel punto potrebbe essere troppo tardi

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!