La Procura di Torino indaga la S…

Somministrazione di farma…

Geriatria: negli USA gli america…

Gli anziani americani di…

Depressione: una proteina potreb…

Gli scienziati hanno…

Ogni cervello ha un network, ogn…

Per evitare ingorghi e st…

Vista: stampate per la prima vol…

Un gruppo di ricercatori…

Malattie muscolo-scheletriche pe…

Le patologie di natura mu…

La carie, un problema di sanità …

Milano, 29 settembre 2014…

Percezione del corpo e memoria: …

Un nuovo studio del Karo…

Piorrea: studi e scoperte verso …

La struttura e il meccani…

Baci e benefici: meno calorie, m…

Non si tratta di legg…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cardiopatie: “naso” elettronico in grado di ‘fiutarle’.

Un naso elettronico in grado di diagnosticare il ‘profumo’ sospetto di un eventuale insufficienza cardiaca. Il singolare dispositivo e’ stato presentato da un team tedesco nel corso del Congresso CES 2011.


“La diagnosi precoce dello scompenso cardiaco cronico (CHF) attraverso lo screening periodico facilita l’applicazione anticipata di trattamento”, ha spiegato Vasileios Kechagias della clinica universitaria di Jena. L’insufficienza cardiaca e’ una patologia comune, costosa, e potenzialmente letale. Nei Paesi sviluppati circa il 2 per cento degli adulti soffre di insufficienza cardiaca, ma in quelli di eta’ superiore ai 65 anni questo dato aumenta fino al 6-10 per cento. Soprattutto a causa dei costi di ospedalizzazione, essa e’ causa di un notevole aumento della spesa sanitaria. Anche se alcune persone riescono a sopravvivere per molti anni, la malattia e’ progressiva ed e’ associata a un aumento della mortalita’ generale e della morbilita’.

“Abbiamo condotto uno screening giornaliero su pazienti con diversi gradi di insufficienza cardiaca”, ha detto Kechagias. In particolare sono stati raccolti i parametri di laboratorio rilevanti per scompenso cardiaco (BNP, minerali, creatinina, analisi dei gas del sangue) ed e’ stata eseguita una valutazione clinica di insufficienza cardiaca in base ai parametri disponibili (storia clinica, di laboratorio, ecocardiografia, test da sforzo e stress). L’assegnazione dei pazienti ai diversi gruppi (senza insufficienza cardiaca, insufficienza cardiaca moderata, insufficienza cardiaca scompensata) e’ stata eseguita da medici ignari dei valori misurati attraverso il ‘naso elettronico’. Il ‘naso elettronico’ consiste in una serie di tre pellicole di metallo di ossido basata su gas sensori con elementi di riscaldamento. Ogni sensore ha una sensibilita’ leggermente diversa per diversi tipi di odorizzante molecolare. Le interazioni tra le molecole e il sensore sono causate da reazioni con l’ossigeno presente sulla superficie del sensore riscaldato, determinando cosi’ una variazione delle concentrazioni di portatori di carica liberi e quindi ad un cambiamento di conducibilita’ nello strato di ossido di metallo. I componenti di odore sono divisi da una analisi statistica in due componenti principali. L’acquisizione dei dati e’ stata possibile in tutti i pazienti. I pazienti con insufficienza cardiaca scompensata sono stati riconosciuti dal naso elettronico e quindi separati dai pazienti con insufficienza cardiaca compensata nell’89 per cento dei casi, cosi’ come e’ stato molto elevato il tasso di sensibilita’ ai pazienti senza insufficienza cardiaca (gruppo di controllo).
“Il nostro obiettivo primario – ha concluso Kechagias – e’ quello di creare e stabilire il metodo possibilmente meno invasivo per contribuire a fare uno screening rapidamente sulle persone con scompenso cardiaco cronico”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!