Mamma, vado all’asilo. Tutti i c…

Decidere di mandare un ba…

Dentizione nei bambini: il peric…

E' noto il fenomeno della…

Alzheimer e neurodegenerazione: …

Uno studio pubblicato…

Gli spermatozoi annusano, e veng…

[caption id="attachment_7…

Nuova tecnica di imaging microsc…

[caption id="attachme…

Distrofia facio-scapolo-omerale:…

Uno studio finanziato da …

La peste nera: ricostruito l'int…

L'impresa è stata possibi…

Piastrine: studio CNR dimostra c…

Personalizzare i valori d…

L'innovativa tecnica della crioc…

[caption id="attachment_1…

Fumo in macchina: polveri sottil…

Una sigaretta in più, pro…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Protezione contro i raggi UV: pillola che emula stesso principio di protezione dei coralli di barriera

Una sola pillola potrebbe assicurare alla nostra pelle e ai nostri occhi una protezione dai raggi solari che dura settimane, tagliando cosi’ il rischio di sviluppare il cancro e il rischio di invecchiamento precoce.

Lo ha scoperto un gruppo di ricercatori del King’s College di Londra, come riporta il Daily Mail. La nuova pillola potrebbe essere testata sulle persone entro cinque anni ed essere cosi’ disponibile entro un decennio. Nella realizzazione di questo ‘Sacro Graal’ dell’abbronzatura sana gli scienziati si sono ispirati a dei campioni di corallo raccolti dalla Grande Barriera Corallina Australiana.

Era gia’ noto che il corallo, che vive in acque poco profonde, e’ protetto dal sole probabilmente grazie all’aiuto di un composto proveniente dalle alghe. Dopo aver esposto al sole un campione di corallo, raccolto durante immersioni notturne, gli scienziati hanno osservato che l’organismo marino viene protetto da questa sorta di ‘crema solare’ naturale prodotta dalle alghe. “Abbiamo scoperto – ha detto Paul Long, ricercatore che ha partecipato allo studio – che le alghe producono un composto che riteniamo offra protezione al corallo”. “Non solo abbiamo visto che questo composto protegge il corallo dai danni degli UV, ma anche che i pesci che si nutrono di corallo beneficiano di questa protezione solare”. Ora i ricercatori sono vicini alla realizzazione in laboratorio di questa sostanza. “Bisognera’ effettuare – ha precisato Long – un sacco di esami tossicologici, ma imaggino che entro cinque anni potra’ essere sviluppata una protezione solare”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!