Cellule adulte del sangue riprog…

Cellule del sangue mature…

Farmaci: una tecnica che trasfor…

Grazie a una nuova tecnic…

HIV: Antiretrovirali in grado di…

I farmaci anti-Aids funzi…

Arterie in salute e glicemia Ok,…

Così si riduce il ris…

Una semplice equazione per valut…

Una semplice equazione po…

Melanoma o vitiligine: quello ch…

Chi ha gli occhi azzurri …

AboutPharma Digital Awards 2014:…

Assegnati ieri sera gli A…

Fibrosi cistica: tessuto polmona…

Un tessuto polmonare colt…

AIDS: creato un chip, test rapid…

Un 'chip' per eseguire il…

Rabbia: contro l'infezione arriv…

Puo' una pianta di tabacc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La magrezza è ‘definita’ sul cromosoma 16, da circa 28 geni

Difficile che suscitino pena quelle persone che affermano candidamente di non riuscire a ingrassare, anche se mangiano tutto quello che desiderano.

E’ il segreto, finora inspiegabile, dei magri fino all’ultima brioche, o torta farcita, o gelato che sia. Un esempio su tutti, Kate Moss, fotografata spesso con cibo spazzatura fra le mani, ma sempre in forma smagliante. Ora, gli scienziati dell’Imperial College di Londra (Gb) e dell’università di Losanna (Svizzera) spiegano su ‘Nature’ di aver individuato un gruppo di geni, circa 28, che formano parte del cromosoma 16 e fungono da efficacissimo scudo antigrasso.

Lo scorso anno, gli stessi esperti avevano evidenziato che chi non ha questi geni è 43 volte più a rischio di obesità. Quest’anno hanno invece fornito dati scientifici a conferma che se questi geni si replicano, si trasformano in ‘skinny genes’, cioé in proteine che regalano magrezza per tutta la vita: secondo gli studi effettuati dal team svizzero-britannico, una persona su 2000 ha questa ‘overdose’ di geni che moltiplicano le possibilità di essere magri o in sottopeso.
“Questa è la prima causa genetica della magrezza estrema mai identificata”, dice Philippe Froguel dall’Imperial College, che ha guidato lo studio. “Ed è anche la prima volta che si dimostra come la cancellazione e la duplicazione di una parte del genoma ha effetti opposti”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi