Cervello: descritta la proteina …

Identificato un gene che …

Tubercolosi: parte il trial per …

[caption id="attachment_9…

Tumori: vaccino 'ad personam' co…

Nel dubbio ha fatto bene…

La scommessa italiana per la cur…

La ricerca sulla fibrosi …

Una nuova teoria che smentisce i…

[caption id="attachment_5…

All'Istituto dei Tumori 'Accogli…

Inaugurato oggi insieme a…

Cellule staminali: la Cina ferma…

La Cina ha ordinato di fe…

Procreazione assistita: il sì de…

Il Regno Unito potreb…

Cancro: via sedentaria letale, m…

La vita sedentaria non fa…

Fumo: trovata molecola anti-dipe…

Stop alla dipendenza da n…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

AIDS, Ensoli dice ad Adnkronos: “Fondi permettendo, vaccino pronto entro 3-4 anni”

(Adnkronos Salute) – Il viaggio del vaccino italiano contro l’Hiv-Aids prosegue spedito. E “fondi permettendo”, potrebbe essere pronto per il debutto sul mercato “nel giro di 3-4 anni”. E’ cauta ma ottimista Barbara Ensoli, la ‘mamma’ del vaccino terapeutico made in Italy. “Abbiamo finito tutti gli arruolamenti per la fase II in Italia, con 168 pazienti reclutati – spiega oggi a Milano all’Adnkronos Salute, a margine della cerimonia di premiazione dei 16 giovani ricercatori selezionati per la prima edizione del Gilead Fellowship Program – e i risultati sono molto buoni. Non vediamo ancora necessità di un ‘boost’ (richiamo) terapeutico e abbiamo superato le 100 settimane di follow up”.


La sperimentazione si muove su due fronti, l’Italia e il Sudafrica: “Stiamo iniziando adesso un trial di 200 persone in Sudafrica, sempre di fase II”, annuncia, e sempre su pazienti infettati da Hiv e trattati con terapia antiretrovirale, e “speriamo proprio di ottenere gli stessi risultati. Fondi permettendo. Perché questo è sempre il problema maggiore. Quello che vorremmo fare adesso è completare le fasi II e passare a una fase III che vorrebbe essere registrativa, in maniera che il vaccino possa essere poi commercializzato e andare ai pazienti”.

“Fondi permettendo”, ripete ancora Ensoli, che dirige il Centro nazionale Aids dell’Istituto superiore di sanità (Iss) ed è vicepresidente della Commissione nazionale per la lotta contro l’Aids. “In questo momento – commenta riferendosi alla situazione generale degli scienziati del Belpaese – non è che ci siano molte prospettive. La ricerca oggi in Italia non viene finanziata. E’ importante per la scienza e i ricercatori che non sia bloccato tutto, che si possa andare avanti”. E tornando alle sue sperimentazioni sul vaccino, la ricercatrice precisa: “Noi per quest’anno possiamo pagare i conti, come si suol dire. Per il prossimo anno ci sono i soliti punti interrogativi. Come succede ogni volta, ad ogni step principale”.
“Questa – assicura Ensoli – è la cosa più stressante e faticosa: cercare sempre i fondi per poter andare avanti, quando la nostra missione è quella di curare la gente, fondamentalmente la gente povera, a cui tutti quanti dovremmo cercare di dare una mano”.
Il vaccino di Ensoli, strategico per popolazioni, come quella africana, flagellate dall’Aids, “avrà certamente un prezzo calmierato. I poveri non pagano – dice sorridente – Ci sono molti modi per fare una cosa simile, già si fa con gli altri vaccini e per i farmaci in genere. I ‘ricchi’ pagano a prezzo pieno e i Paesi poveri, a seconda del loro livello economico, o non pagano niente oppure ottengono prezzi molto inferiori”.
Ensoli non nasconde la soddisfazione per la direzione presa dal suo lavoro di ricerca: “I risultati – continua – stanno confermando le nostre aspettative, anzi si stanno rivelando anche migliori. Quando uscirà il paper ne parleremo”. Il traguardo più importante, riflette, sarà il debutto fra i malati: “Per il vaccino terapeutico in 3-4 anni potremmo completare l’iter”, conclude. Prossima sfida: un vaccino in grado di prevenire l’Aids.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!