Descritto un gene che riattivato…

Scoperto un gene che, se …

Come reagiscono i fumatori dopo …

Un sostanziale numero di …

L'endocitosi delle cellule potre…

[caption id="attachment_6…

Molecola ad elica contro fattore…

Un team di ricercatori di…

Risposta molecolare a "grilletto…

E' come un ''grilletto'' …

“Un mare di bambini” - 70° Congr…

Allergie, infezioni respi…

Nuova tecnica per cellule stamin…

Sviluppata una nuove tecn…

Per raccontare la dialisi nasce …

Milano, 12 Ottobre 2016 -…

Sull'attivita' di un enzima potr…

[caption id="attachment_6…

Sanità, istituito primo tavolo t…

Cagliari, 18 febbraio 201…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Disturbi comportamentali “da Bisfenolo A”

Il bisfenolo A ha causato cambi nel comportamento e difficolta’ ad adattarsi a nuovi ambienti nei topolini da laboratorio. La sostanza e’ presente nella plastica di numerosi oggetti di consumo come i biberon, le tazze, le lattine e i contenitori in genere. Secondo la ricerca dell’Universita’ di Uppsala in Svezia, cuccioli di topi da laboratorio esposti a questo composto hanno mostrato difficolta’ nel comportamento e sono diventati anche iperattivi come i topi adulti. Come si legge sulla rivista Toxicology, alle cavie sono state date differenti dosi di bisfenolo A quando avevano solo dieci giorni di vita. I topolini sono poi stati spostati dalla solita gabbia in un’altra per un’ora.

Solitamente, i topolini sono molto attivi nei primi venti minuti: esplorano il nuovo ambiente, cercano esperienze sensoriali. Questo comportamento scema dopo circa quaranta minuti, e nei venti minuti finali i topolini si fermano e si addormentano. “Nel nostro studio abbiamo scoperto che una singola esposizione al bisfenolo A durante il primo breve, critico periodo di sviluppo del cervello nella fase neonatale, porta a dei cambiamenti nel comportamento spontaneo e impoverisce la capacita’ di adattarsi ai nuovi ambienti. I topolini si muovevano in modo iperattivo come gli adulti.
Successivamente, quando li abbiamo esaminati nella vita adulta, abbiamo notato che il disturbo persisteva, il che indica che il danno e’ permanente”, ha spiegato Henrik Viberg, a capo del gruppo di ricerca.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x