Ebola: un vaccino sviluppato in …

Un vaccino per l'Ebola sv…

Diagnosi precoce per i bambini d…

I bambini a rischio, ossi…

Catastrofi cromosomiche accelera…

[caption id="attachment_1…

I farmacisti non sono una lobby …

Roma, 4 gennaio 2013– ““E…

Gel innovativo in grado di favor…

Un gruppo di ricercatori…

Marea nera: guerra batteriologic…

[caption id="attachment_8…

Merck Serono lancia “La mia voce…

  L’app “La mia voc…

Gilead annuncia le percentuali d…

SVR12 nel 96% dei pazient…

Malattie neurodegenerative e pro…

Una cattiva regolazione d…

Ormone per curare il diabete com…

Un ormone con proprieta'…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Disturbi comportamentali “da Bisfenolo A”

Il bisfenolo A ha causato cambi nel comportamento e difficolta’ ad adattarsi a nuovi ambienti nei topolini da laboratorio. La sostanza e’ presente nella plastica di numerosi oggetti di consumo come i biberon, le tazze, le lattine e i contenitori in genere. Secondo la ricerca dell’Universita’ di Uppsala in Svezia, cuccioli di topi da laboratorio esposti a questo composto hanno mostrato difficolta’ nel comportamento e sono diventati anche iperattivi come i topi adulti. Come si legge sulla rivista Toxicology, alle cavie sono state date differenti dosi di bisfenolo A quando avevano solo dieci giorni di vita. I topolini sono poi stati spostati dalla solita gabbia in un’altra per un’ora.

Solitamente, i topolini sono molto attivi nei primi venti minuti: esplorano il nuovo ambiente, cercano esperienze sensoriali. Questo comportamento scema dopo circa quaranta minuti, e nei venti minuti finali i topolini si fermano e si addormentano. “Nel nostro studio abbiamo scoperto che una singola esposizione al bisfenolo A durante il primo breve, critico periodo di sviluppo del cervello nella fase neonatale, porta a dei cambiamenti nel comportamento spontaneo e impoverisce la capacita’ di adattarsi ai nuovi ambienti. I topolini si muovevano in modo iperattivo come gli adulti.
Successivamente, quando li abbiamo esaminati nella vita adulta, abbiamo notato che il disturbo persisteva, il che indica che il danno e’ permanente”, ha spiegato Henrik Viberg, a capo del gruppo di ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi