NUOVA CURA PER IL MELANOMA - nuo…

[caption id="attachment_8…

Tosse: studio randomizzato confe…

Uno studio europeo su 206…

[1. SIN] Parkinson: Terapia prec…

Prof. Aldo Quattrone, P…

Pistacchi efficaci contro iperte…

Un pugno di pistacchi all…

Celiachia: riguarda un italiano …

Prende il via domani con …

Diabete: pool di esperti aggiorn…

Farmaci di ultima generaz…

Tumori: individuati geni in grad…

Il sangue e' composto da …

Jogging: anche pochi minuti al g…

- Correre anche solo poch…

Broncopneumopatia cronico ostrut…

I risultati dello studio …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fecondazione assistita: cresce il rischio di cancro alle ovaie

Le donne che si sottopongono a trattamenti per aumentare la propria fertilita’ in vista della fertilizzazione in vitro (Fiv) si espongono a un maggiore rischio di tumori alle ovaie.

Uno studio condotto dal Netherlands Cancer Institute di Amsterdam ha mostrato infatti che le donne che si sottopongo alla stimolazione delle proprie ovaie per produrre piu’ ovuli e aumentare le possibilita’ di gravidanze, hanno il doppio della probabilita’ di sviluppare cancri ‘borderline’ alle ovaie, ossia di produrre una quantita’ anomala di cellule che possono diventare cancerose (anche se di solito non lo fanno).

Come si legge sulla rivista Human Reporoduction, la ricerca, durata 15 anni, ha coinvolto 25mila donne, delle quali 19mila hanno alla fine ricevuto la fertilizzazione in vitro. Nel gruppo Fiv, si sono mostrati 61 casi di tumori borderline, dei quali 30 sono diventati cancri invasivi.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi