Campagna invito donazione cordon…

Ancora 48 mila unità di s…

Cancro: screening biennale con a…

Il cancro della cervi…

Salute Donna: in menopausa cala …

In occasione della Giorna…

Pediatria: il sonno nei bambini …

Dormire in modo irregol…

Cancro e alcool: legame nettamen…

Una nuova analisi condott…

L'importanza del medico di medic…

L’importanza del medico d…

Iniezioni con ultrasuoni: gli in…

Gli ingegneri del MIT han…

Sclerosi multipla: finalmente si…

La teoria secondo cui la …

Periodontite: buone nuove per mi…

Dodici milioni di tedesch…

Acido ialuronico: non solo vezzo…

Per ringiovanire la pelle…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fecondazione assistita: cresce il rischio di cancro alle ovaie

Le donne che si sottopongono a trattamenti per aumentare la propria fertilita’ in vista della fertilizzazione in vitro (Fiv) si espongono a un maggiore rischio di tumori alle ovaie.

Uno studio condotto dal Netherlands Cancer Institute di Amsterdam ha mostrato infatti che le donne che si sottopongo alla stimolazione delle proprie ovaie per produrre piu’ ovuli e aumentare le possibilita’ di gravidanze, hanno il doppio della probabilita’ di sviluppare cancri ‘borderline’ alle ovaie, ossia di produrre una quantita’ anomala di cellule che possono diventare cancerose (anche se di solito non lo fanno).

Come si legge sulla rivista Human Reporoduction, la ricerca, durata 15 anni, ha coinvolto 25mila donne, delle quali 19mila hanno alla fine ricevuto la fertilizzazione in vitro. Nel gruppo Fiv, si sono mostrati 61 casi di tumori borderline, dei quali 30 sono diventati cancri invasivi.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x