Sono anti-Alzheimer le onde elet…

[caption id="attachment_5…

Metastasi ossee: un anticorpo ch…

[caption id="attachment_5…

Sclerosi Multipla: è partita a P…

Il trapianto autologo di …

La mammografia salva la vita

Lo studio piu' lungo che …

Chirurgia estetica: oggi meno bi…

Il dottor Mezzana illustr…

La strategia dei parassiti che s…

[caption id="attachment_9…

Il telefono salva la vita. Ma an…

Congresso congiunto della…

"Fate il vaccino anti-Hpv", l'ap…

[caption id="attachment_1…

Nelle staminali un meccanismo ch…

[caption id="attachment_8…

L'emoglobina: una riserva di oss…

Una ricerca sul Parkinson…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fecondazione assistita: cresce il rischio di cancro alle ovaie

Le donne che si sottopongono a trattamenti per aumentare la propria fertilita’ in vista della fertilizzazione in vitro (Fiv) si espongono a un maggiore rischio di tumori alle ovaie.

Uno studio condotto dal Netherlands Cancer Institute di Amsterdam ha mostrato infatti che le donne che si sottopongo alla stimolazione delle proprie ovaie per produrre piu’ ovuli e aumentare le possibilita’ di gravidanze, hanno il doppio della probabilita’ di sviluppare cancri ‘borderline’ alle ovaie, ossia di produrre una quantita’ anomala di cellule che possono diventare cancerose (anche se di solito non lo fanno).

Come si legge sulla rivista Human Reporoduction, la ricerca, durata 15 anni, ha coinvolto 25mila donne, delle quali 19mila hanno alla fine ricevuto la fertilizzazione in vitro. Nel gruppo Fiv, si sono mostrati 61 casi di tumori borderline, dei quali 30 sono diventati cancri invasivi.

Archivi