Linagliptin approvato dalla FDA …

Primo inibitore del DPP-4…

Mylan supporta il progetto dell'…

Milano, 18 Dicembre 2012 …

Tumori: statine possono rallenta…

Le statine, noti farmaci …

I suoni si fissano al cervello e…

[caption id="attachment_7…

Leucemia: verso un possibile vac…

Il sistema immunitario de…

Tumori: dal c-MET alla TAC a spi…

L'obbiettivo è il solito:…

Dipendenza da Facebook? A.I.D.A:…

Cresce la sindrome del ‘M…

Dolore cronico: al via il proget…

Il farmacista come riferi…

Magnesio contro il declino cogni…

Mentre una carenza di mag…

Studio pilota con brentuximab ve…

– Sopravvivenza glo…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fecondazione assistita: cresce il rischio di cancro alle ovaie

Le donne che si sottopongono a trattamenti per aumentare la propria fertilita’ in vista della fertilizzazione in vitro (Fiv) si espongono a un maggiore rischio di tumori alle ovaie.

Uno studio condotto dal Netherlands Cancer Institute di Amsterdam ha mostrato infatti che le donne che si sottopongo alla stimolazione delle proprie ovaie per produrre piu’ ovuli e aumentare le possibilita’ di gravidanze, hanno il doppio della probabilita’ di sviluppare cancri ‘borderline’ alle ovaie, ossia di produrre una quantita’ anomala di cellule che possono diventare cancerose (anche se di solito non lo fanno).

Come si legge sulla rivista Human Reporoduction, la ricerca, durata 15 anni, ha coinvolto 25mila donne, delle quali 19mila hanno alla fine ricevuto la fertilizzazione in vitro. Nel gruppo Fiv, si sono mostrati 61 casi di tumori borderline, dei quali 30 sono diventati cancri invasivi.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi