E' arrivato Prasugrel, l'antiagg…

Il più efficace antiaggre…

Neuregulin-1 è un gene chiave pe…

[caption id="attachme…

Posticipato di un mese il termin…

Rinviata al 30 settemb…

Malattie rare - angioedema eredi…

La prima terapia per via …

Influenza: conoscere e interveni…

[caption id="attachme…

ESC (European Society of Cardiol…

Essere sopravvissuti a un…

Obesità: terapia al testosterone…

La terapia di rimpiazzam…

Malattia di Huntington: individu…

[caption id="attachme…

HIV: Terapia preventiva con anti…

Un team di ricercatori …

Identificato il gene del dolore …

Alcuni scienziati in Spag…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: scoperto ruolo cruciale proteina per bloccare metastasi

Potrebbe essere una scoperta fondamentale nella storia dell’oncologia: la chiave per bloccare le metastasi, ossia la diffusione del tumore dall’organo d’origine al resto del corpo.

Gli scienziati canadesi della Dalhousie University hanno identificato un meccanismo chiave per le metastasi, bloccando il quale, sostengono, di fatto si interrompe il meccanismo perverso che porta quasi sempre al decesso. Lo studio, pubblicato sulla rivista Cancer Research e condotto da David Waisman, professore presso il Dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare e Patologia della Dalhousie University, ha analizzato il ruolo chiave di una proteina posta sulla superficie del macrofagi, la S100A10, che consente proprio ai macrofagi di spostarsi sul sito della crescita tumorale, un processo essenziale per lo sviluppo del tumore. “Eravamo soliti pensare – ha spiegato il ricercatore – che le uniche cellule che contavano in un tumore sono per l’appunto quelle tumorali, ma ora stiamo iniziando a vedere che le altre cellule devono collaborare con le cellule tumorali per guidare la crescita tumorale e consentire un’evoluzione delle cellule tumorali in cellule metastatiche.

Questo cambiamento e’ cio’ che provoca la prognosi infausta e in ultima analisi, cio’ che uccide il paziente”, Waisman e i colleghi hanno scoperto che i tumori non crescono senza l’assistenza dei macrofagi. Questi macrofagi devono provenire dal sangue o da altre aree nei tessuti. Come sono in grado di muoversi attraverso i tessuti o il sangue era sempre rimasto un mistero. Questi macrofagi letteralmente devono “masticare” la loro strada attraverso il tessuto che forma una barriera attorno al tumore in modo da entrare nel tumore stesso e combinarsi con le cellule tumorali. I ricercatori hanno scoperto sulla superficie esterna dei macrofagi una proteina chiamata S100A10, che consente al macrofagi per rimuovere le barriere del tessuto che ne ritardano la migrazione verso il sito del tumore. Teoricamente, il blocco dei macrofagi, bloccando la S100A10 chimicamente, potrebbe rallentare o addirittura fermare la crescita tumorale. “Abbiamo scoperto che la proteina, S100A10, agisce come un paio di forbici sulla parte esterna dei macrofagi, consentendo loro di ‘masticare’ la loro strada fino al tumore, dove poi stimolano la crescita delle cellule tumorali e quindi la metastasi”, ha detto Waisman. Il prossimo passo e’ capire esattamente come funzioni S100A10, anche per individuare agenti farmaceutici che possano bloccare l’azione della proteina, impedendo cosi’ il movimento dei macrofagi al sito del tumore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: