Nasce l’Italian Wellness Allianc…

Istituzioni e Clinici s…

Cancro polmonare: individuati tr…

Identificati tre sottogru…

Cocaina e danni al cervello: qua…

Alla base dei danni c…

Sclerodermia: innovativo trattam…

[caption id="attachment_7…

Connessione tra salute cardiovas…

Le persone che hanno una …

Salute, 17 milioni di italiani s…

In Italia cresce il numer…

Mammografia in 3D: diagnosi tumo…

Una nuova tecnica di mamm…

Lo stress cronico: quali geni de…

Lo stress cronico blocca …

Approvato il denosumab, il rivol…

E’ la prima autorizzazi…

Fecondazione Eterologa: Raggiunt…

“Adesso è ufficiale. Sono…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

AIDS: aspettativa di vita sempre più lunga nei malati

Si vive piu’ a lungo con il virus dell’AIDS, a causa di un migliore accesso ai farmaci, secondo il programma delle Nazioni Unite per l’AIDS (UNAIDS).

Nel suo rapporto annuale sulla pandemia, l’UNAIDS ha detto che il numero di persone che muoiono di questa malattia e’ sceso a 1,8 milioni nel 2010, una diminuzione di 2,2 milioni dal 2005.
Circa 2,5 milioni di decessi sono stati evitati nei paesi poveri e a medio reddito grazie al piu’ agevole accesso ai farmaci contro l’AIDS in fase di introduzione dal 1995.

Dall’inizio della pandemia di AIDS nel 1980, oltre 60 milioni di persone sono state infettate con il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) che causa l’AIDS. L’HIV puo’ essere controllato per molti anni con cocktail di farmaci, ma non vi e’ ancora alcuna cura. Il rapporto UNAIDS ha dichiarato che 34 milioni di persone in tutto il mondo hanno preso l’HIV nel 2010, contro i 33,3 milioni nel 2009. Su 14,2 milioni malate nei paesi a basso e a medio reddito, circa 6,6 milioni, il 47 per cento, sono ora in trattamento, e 11 milioni dei paesi a povero e a medio reddito hanno accesso universale alle cure contro l’HIV, con una copertura del 80 per cento. Cio’ a fronte del 36 per cento dei 15 milioni di persone che necessitava di trattamento nel 2009. “In un solo anno abbiamo aggiunto 1,4 milioni di persone con i farmaci, un enorme progresso”, ha detto Adrian Lovett del Movimento anti-poverta’ per la campagna ONE. Ci sono state 2,7 milioni nuove infezioni da HIV in tutto il mondo nel 2010, il 15 per cento in meno rispetto al 2001, e il 21 per cento al di sotto del numero di nuove infezioni al culmine dell’epidemia nel 1997. Nonostante i progressi sul trattamento e la prevenzione dell’HIV, l’Africa sub-sahariana e’ ancora di gran lunga l’area piu’ colpita, pari al 68 per cento di tutti coloro che vivono con l’HIV nel 2010.
Circa il 70 per cento delle nuove infezioni da HIV nel 2010, e quasi la meta’ di tutti i decessi per AIDS, sono stati registrati in Africa sub-sahariana.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!