Sinusite: nuovo metodo di diagno…

Un nuovo metodo di diagno…

Conferenza Stato-Regioni per pro…

La Conferenza Stato-Reg…

Quando il dolore cronico altera …

[caption id="attachment_7…

Terapia ormonale sostitutiva: ri…

Un gruppo di ricercatori …

Alimentazione: maggior assunzion…

[caption id="attachment_6…

Scoperta biotech a Milano: gene …

Un team di ricercatori de…

Aprile mese della salute delle o…

Porte aperte in oltre 100…

Scoperte cellule immunitarie che…

Un sottoinsieme di cellul…

Malattie dello scheletro: import…

...e le ossa tornano nuov…

Cervello in coma: attività inasp…

Anche in presenza di un e…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Emofilia: cellule staminali ingegnerizzate per aiutare chi ne soffre

Un nuovo approccio terapeutico basato su cellule staminali ingegnerizzate potrebbe aiutare chi soffre di emofilia A ad evitare i sanguinamenti che possono danneggiare le articolazioni.


A darne notizia e’ la rivista Experimental Hematology, che ha descritto una ricerca in cui particolari cellule staminali mesenchimali (ovvero quelle esprimenti il fattore VIII della coagulazione, cioe’ la molecola la cui assenza causa l’emofilia A) sono state iniettate in alcune pecore ferite, nelle quali sono riuscite a bloccare la perdita di sangue e a riparare i tessuti danneggiati. Secondo Christopher Porada del Wake Forest Baptist Medical Center’s Institute for Regenerative Medicine di Winston-Salem (Usa) il problema da risolvere, adesso, e’ la reazione immunitaria che l’iniezione scatena negli animali.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi