Merck Serono: completato l’arruo…

[caption id="attachment_1…

Obesità infantile: un gene manca…

Un 'buco' nel Dna puo' sc…

Epatite C: trascorsi due mesi da…

''Dopo 2 mesi dalla possi…

Reimpiantate gambe quasi complet…

Ha rischiato di perdere e…

Giornata Mondiale per la Conosce…

[caption id="attachment_2…

Blocco dei recettori del dolore …

Il dolore cronico non e'…

Degenerazione maculare senile: l…

Un uso regolare di aspiri…

Contraccezione ormonale, informa…

La Regione rimane fanalin…

L'importanza delle tecniche di i…

Al via a Napoli la XII ed…

Italia ai primi posti in Europa …

Roma, 19 dicembre 2016 – …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Emofilia: cellule staminali ingegnerizzate per aiutare chi ne soffre

Un nuovo approccio terapeutico basato su cellule staminali ingegnerizzate potrebbe aiutare chi soffre di emofilia A ad evitare i sanguinamenti che possono danneggiare le articolazioni.


A darne notizia e’ la rivista Experimental Hematology, che ha descritto una ricerca in cui particolari cellule staminali mesenchimali (ovvero quelle esprimenti il fattore VIII della coagulazione, cioe’ la molecola la cui assenza causa l’emofilia A) sono state iniettate in alcune pecore ferite, nelle quali sono riuscite a bloccare la perdita di sangue e a riparare i tessuti danneggiati. Secondo Christopher Porada del Wake Forest Baptist Medical Center’s Institute for Regenerative Medicine di Winston-Salem (Usa) il problema da risolvere, adesso, e’ la reazione immunitaria che l’iniezione scatena negli animali.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi