SLA: continua la sperimenazione …

Prosegue la sperimentazio…

Vaccino anti-HPV gratis in sei c…

Vaccino 'scudo' anti-Papi…

Vitamina D: sempre piu' evidente…

Nel trattamento del linfo…

Mamma, vado all’asilo. Tutti i c…

Decidere di mandare un ba…

Perturbatori endocrini nel 40% d…

Un istituto indipendente …

Chemioterapie: Menarini sperimen…

Nuova terapia piu' effica…

Le vaccinazioni in età pediatric…

Il sostegno alle vaccinaz…

Percezione visiva del movimento:…

La capacità di percepire …

I benefici dei raggi UV contro l…

Più amiche che nemich…

Dieta povera di Omega-3 comporta…

Si trovano nel pesce azzu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Pre-eclampsia: test dalle urine per diagnosi

Un semplice test delle urine durante la gravidanza potrebbe rivelare la pre-eclampsia, grave patologia che puo’ insorgere dopo la ventesima settimana di gestazione e manifestarsi prima, durante o dopo il parto con conseguenze molto gravi per la salute della mamma.

A dimostrarlo un recente studio dell’American Society of Nephrology secondo cui il test individua delle cellule renali specifiche (i cosiddetti ‘podociti’) nelle urine delle pazienti. Secondo gli esperti dunque, un banale test sarebbe prezioso per prevedere questa patologia che colpisce il 3-5 per cento delle partorienti e puo’ comportare convulsioni, forti cefalee, disturbi visivi e stato confusionale. La Pre-eclampsia compare nelle ultime fasi della gravidanza e e’ caratterizzata da pressione alta e eccesso di proteine nelle urine. Una rara complicanza e’ la rottura della capsula epatica, che richiede un intervento chirurgico urgente. La mortalita’ materna piu’ elevata per pre-eclampsia si riscontra nei Paesi in via di sviluppo a causa della diagnosi tardiva.


I ricercatori della Mayo Clinic, che hanno presentato il loro lavoro al meeting annuale della American Society of Nephrology, hanno testato 300 donne e segnato il cento per cento dei successi: tutte le donne che hanno continuato a sviluppare pre-eclampsia in gravidanza avevano podociti nelle urine. Anche se effettuato su un piccolo numero di pazienti, i ricercatori hanno assicurato che il test e’ molto preciso e potrebbe presto essere usato dai medici per tutelare la salute delle puerpere. “Con un test accurato”, ha osservato Ann Marie Barnard, direttore dell’associazione ‘Azione contro la pre-eclampsia’, “gran parte delle 1.500 donne che ogni anno chiamano il nostro numero verde terrorizzate di restare incinta di nuovo perche’ gia’ malate di pre-eclampsia, sarebbero state rassicurate e ‘salvate'”. Il test, ha aggiunto, “anche se non puo’ fermare la malattia, aiuta a intervenire con tempestivita’ e monitorare con le cure necessarie le varie tappe dello sviluppo”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi