Un nuovo processo di regolazion …

Il perossido di idrogeno,…

LA CONSULTA SUL TABAGISMO FESTEG…

Roma - Il 10 gennaio 2005…

Fibrosi cistica: malattia geneti…

La lotta alla fibrosi cis…

Fumo passivo: dall'apparato resp…

Bambini i cui genitori fu…

Diabete: ripercussioni sullo sta…

L'eta' in cui si svilupp…

Tumori neuroendocrini: si parla …

Silenziosi nell'80% dei c…

Pressione arteriosa: per la misu…

Un nuovo strumento po…

Come e' coinvolto il sistema imm…

[caption id="attachment_8…

Il bambino capriccioso...e se fo…

Caserta, 13 settembre 201…

Dipendenza da eroina: il segreto…

Un team di scienziati del…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Trovato gene che difende la trasparenza della cornea

Trovato gene che negli esseri umani e nei topi protegge la trasparenza della cornea. La scoperta puo’ portare allo sviluppo di una nuova terapia per le malattie agli occhi.

La cornea trasparente e’ essenziale per la vista ed e’ per questo che l’occhio si e’ evoluto per nutrirla senza vasi sanguigni. E un nuovo studio della Northwestern Medicine University di Chicago negli States ha identificato un gene che svolge un ruolo importante nel mantenere trasparente della cornea negli esseri umani e topi e che potrebbe essere utilizzato nella terapia genica contro alcune malattie che causano la cecita’. Il documento e’ stato pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences. ”Crediamo di aver scoperto il gene principale che impedisce la formazione di vasi sanguigni negli occhi e protegge la chiarezza della cornea”, ha detto l’autore dello studio Tsutomu Kume, professore associato di Medicina presso la Northwestern.

L’esistenza del gene, FoxC1, era gia’ nota, da oggi ne conosciamo anche il ruolo. Lavorando con una razza speciale di topi che non posseggono questo specifico gene, Kume e i colleghi hanno scoperto anomale formazioni vascolari, vasi sanguigni e striature sulle loro cornee. Quando Kume ha rilevato i vasi sanguigni nella cornea nei topi mutanti, ha chiesto il supporto di Ordan Lehmann, docente di oftalmologia e genetica presso l’Universita’ di Alberta in Canada, che aveva precedentemente scoperto che i suoi pazienti che hanno una sola copia di questo gene mutato FoxC1, e con un glaucoma congenito, sviluppavano anche vasi sanguigni negli occhi. ”La cosa interessante – spiega Kume – e’ che lo studio mostra come la perdita di FoxC1 causi la vascolarizzazione della cornea. Cio’ puo’ significare che intervenendo su questo specifico gene si potrebbe aiutare a prevenire l’insorgenza anormale dei vasi sanguigni, responsabile di molteplici disturbi oculari che causano la cecita”’. Un importante apporto potrebbe essere dato, ad esempio, alle difficolta’ che si incontrano nei trapianti di cornea, dove la crescita di nuovi vasi sanguigni sulla cornea e’ un problema particolarmente diffuso .

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x