Meningite: l'OK dell'Europa al p…

La Commissione Europea ha…

[Premi Nobel 2012] Per la fisica…

Lo scienziato francese Se…

Depressione e bipolarismo non so…

Ricercatori rivelano …

I virus iniettano i loro geni us…

[caption id="attachment_5…

Seguire in 'live' il ripiegament…

Il risultato dello studio…

Le "ragioni genetiche" della pub…

L'età a cui si presenta i…

Autismo e disabilità intellettiv…

Il disturbo dello spettro…

Dengue: la malattia tropicale pi…

La febbre Dengue e' la ma…

L’Agenda del Cuore 2014 di ALT: …

Milano, 1 ottobre 2013 – …

Parkinson: nuovi studi sulla pro…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Trovato gene che difende la trasparenza della cornea

Trovato gene che negli esseri umani e nei topi protegge la trasparenza della cornea. La scoperta puo’ portare allo sviluppo di una nuova terapia per le malattie agli occhi.

La cornea trasparente e’ essenziale per la vista ed e’ per questo che l’occhio si e’ evoluto per nutrirla senza vasi sanguigni. E un nuovo studio della Northwestern Medicine University di Chicago negli States ha identificato un gene che svolge un ruolo importante nel mantenere trasparente della cornea negli esseri umani e topi e che potrebbe essere utilizzato nella terapia genica contro alcune malattie che causano la cecita’. Il documento e’ stato pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences. ”Crediamo di aver scoperto il gene principale che impedisce la formazione di vasi sanguigni negli occhi e protegge la chiarezza della cornea”, ha detto l’autore dello studio Tsutomu Kume, professore associato di Medicina presso la Northwestern.

L’esistenza del gene, FoxC1, era gia’ nota, da oggi ne conosciamo anche il ruolo. Lavorando con una razza speciale di topi che non posseggono questo specifico gene, Kume e i colleghi hanno scoperto anomale formazioni vascolari, vasi sanguigni e striature sulle loro cornee. Quando Kume ha rilevato i vasi sanguigni nella cornea nei topi mutanti, ha chiesto il supporto di Ordan Lehmann, docente di oftalmologia e genetica presso l’Universita’ di Alberta in Canada, che aveva precedentemente scoperto che i suoi pazienti che hanno una sola copia di questo gene mutato FoxC1, e con un glaucoma congenito, sviluppavano anche vasi sanguigni negli occhi. ”La cosa interessante – spiega Kume – e’ che lo studio mostra come la perdita di FoxC1 causi la vascolarizzazione della cornea. Cio’ puo’ significare che intervenendo su questo specifico gene si potrebbe aiutare a prevenire l’insorgenza anormale dei vasi sanguigni, responsabile di molteplici disturbi oculari che causano la cecita”’. Un importante apporto potrebbe essere dato, ad esempio, alle difficolta’ che si incontrano nei trapianti di cornea, dove la crescita di nuovi vasi sanguigni sulla cornea e’ un problema particolarmente diffuso .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi