ALZHEIMER, UN NUOVO TEST LO INDI…

[caption id="attachment_1…

AssoGenerici al fianco della SIF…

Siglata una partnership p…

Dolore cronico: 26 febbraio gior…

Dolore cronico: ne soffro…

Emergenza Epatite C: quale progr…

Presentata oggi al Minist…

Cellule staminali: scoperte le c…

Un tipo di cellule stamin…

FDA dice si al nuovo test per la…

Approvato dalla Food and …

Cancro: combinazione di un farma…

La combinazione di farmac…

XANGO ITALY SOSTIENE OPERATION …

Joe Morton, fondatore e m…

Scoperto il 'turbo' molecolare c…

[caption id="attachment_5…

Iperparatiroidismo: condizione c…

Una dieta povera di calci…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: prevenirlo allenando il cervello da giovani

Le persone che ‘sfidano’ il proprio cervello nel corso della vita attraverso la lettura, la scrittura e i giochi logici hanno meno probabilita’ di sviluppare i depositi proteici nel cervello collegati con l’Alzheimer.

Lo studio promosso dalla University of California, a Berkeley e’ apparso negli Archives of Neurology e suggerisce che le persone che impegnano la propria mente sin dall’infanzia sviluppano meno placche amiloidi. “Non stiamo parlando della risposta del cervello all’amiloide ma dell’accumulo di amiloide”, ha precisato William Jagust, autore della ricerca, “E’ una scoperta nuova di zecca – ha continuato – che presto potrebbe offrire un modo per prevenire l’Alzheimer, una malattia che colpisce 36 milioni di persone in tutto il mondo.

Numero che con l’invecchiamento della popolazione aumentera’ a 66 milioni entro il 2030, e a 115 milioni nel 2050″. Il nuovo studio ha sfruttato l’uso di un meccanismo di brain-imaging che funziona con la tomografia a emissione di positroni (PET scanner) che attaccano e mettono in evidenza i depositi di beta amiloide, la proteina spesso ritenuta il fattore di accesso al morbo di Alzheimer. I ricercatori hanno studiato 65 persone sane e cognitivamente normali di 60 anni di eta’. I partecipanti hanno risposto alle domande di un test che misurava il livello di attivita’ mentale in base ai diver si periodi della propria vita a partire dai 6 anni. Tra le domande incluse, la lettura di quotidiani, libri, e’ l’elaborazione di mail o lettere e il ricorso ai giochi. Dopo il test conoscitivo i partecipanti si sono sottoposti a numerosi esami utili a valutare la loro memoria e capacita’ di pensiero mentre i loro cervelli sono stati esaminati, usando il nuovo tracciante per cercare i depositi di amiloide nel cervello. Il team di ricercatori ha successivamente confrontato le scansioni del cervello di 10 pazienti affetti da Alzheimer e di 11 soggetti sani. E hanno riscontrato che le persone che erano state mentalmente piu’ attive avevano piu’ bassi livelli di amiloide beta, rispetto a quelli che erano stati mentalmente meno attivi. Mentre le persone che avevano iniziato da poco a dedicarsi ad attivita’ mentali come la risoluzione dei cruciverba non risultavano aver avuto benefici. “Quello che i nostri dati suggeriscono e’ che una vita intera trascorsa a impegnarsi in queste attivita ha un effetto cruciale nel mantenersi cognitivamente attivi in eta’ avanzata”, ha detto Susan Landau, un altro ricercatore di Berkeley che ha lavorato allo studio. “Molto probabilmente l’amiloide inizia ad accumularsi molti anni prima della comparsa dei sintomi”, ha concluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi