Resistenza agli antibiotici: il …

Alcuni scienziati in Svez…

Lo zucchero abbassa i livelli de…

[caption id="attachme…

AIDS: cure immediate guariscono …

Un nuovo eccezionale colp…

Il sud est asiatico libero dalla…

Dichiarazione da parte de…

Diabete e ictus: la genetica ind…

[caption id="attachment_8…

All'ESHRE 2011 Merck Serono prem…

· Un premio destinato …

Malattia di Huntington: la ricer…

Una ricerca condotta dall…

Cefalea post-coitale: un uomo su…

È noto come mal di testa …

iHealth Align: il glucometro con…

iHealth Align ha vinto il…

Aegate selezionata come fornitor…

Milano, 22 giugno 2015 - …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Asma: otto milioni di italiani verso una possibile cura

Grazie alla collaborazione tra Ulss della Regione Veneto e l’Universita’ di Genova, e’ stata dimostrata la possibilita’ che l’asma grave possa essere curata in maniera definitiva.

E’ quanto emerso dal 15* Congresso Internazionale dal tema ”Asma Bronchiale e Bpco: obiettivi, rimedi, strategie”, organizzato dalla Uoc di Pneumologia dell’Azienda Ulss 22 di Bussolengo diretta da Roberto W. Dal Negro, che si aperto oggi a Verona.

Sono infatti stati presentati i risultati di una ricerca scientifica messa a ounto dall’Unita’ Operativa di Pneumologia, ULS22, e l’Istituto Malattie Respiratorie dell’Universita’ di Genova, diretto da Walter Canonica. Alla base della ricerca, che sara’ pubblicata a breve sulla rivista scientifica americana, ”Il Giornale Internazionale di Farmacologia e Immunopatologia”, sono gli effetti, a lungo termine, degli anticorpi monoclonali, (sostanze che inibiscono gli anticorpi allergici Ige nelle strutture bronchiali), nell’asma grave: i pazienti possono finalmente tornare a vivere una vita normale.

”Circa tre anni fa ebbi un’intuizione sull’uso prolungato degli anticorpi monoclonali nell’asma grave che non aveva risposto finora ad alcun tipo di terapia – spiega Dal Negro -. Tutto parti’ in quel periodo, quando mi chiesi: questi anticorpi, se somministrati a lungo, possono modificare la matrice delle strutture bronchiali? Ho quindi proceduto con delle biopsie periodiche, e ogni sei mesi, per avere un quadro completo sulla terapia biologica sui pazienti. Mi sono ritrovato a gestire una ricerca, la prima in tutto il mondo, che a breve sara’ pubblicata su una importante rivista scientifica americana. Abbiamo scoperto che l’anticorpo monoclonale altera in senso positivo la matrice patologica della malattia. Seppur con le cautele del caso possiamo dire che questa e’ una cura vera e propria”.

Dalle ricerche, presentate oggi durante il Congresso di Verona, si calcola che il 70% di persone che si sono sottoposte a queste terapie ha migliorato la propria struttura biologica, fino alla normalizzazione.(ASCA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: