Disfunzione erettile: 3 milioni …

Vive il proprio disagio c…

Il daltonismo trattato con terap…

[caption id="attachme…

Cancro: scoperti i geni nemici d…

[caption id="attachme…

Albumina nelle urine: predittiva…

[caption id="attachment_8…

Apnee notturne possono rappresen…

Fatica a respirare du…

Rilpivirina è stata approvata in…

Beerse, Belgio, 28 No…

Divisione cellulare: svelato il …

[caption id="attachment_5…

Ultrabatteri: i ceppi resistenti…

Invulnerabili a quals…

Cannabis (THC) in monoterapia no…

La cannabis non e' effica…

Integratori contenenti il DMA po…

Se contengono dimetilam…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Asma: quanto incide il rapido sviluppo nei primi tre mesi di vita. Il legame.

I neonati che crescono piu’ rapidamente nei primi tre mesi di vita hanno piu’ probabilita’ di sviluppare asma da bambini. Secondo una ricerca olandese infatti l’aumento di peso accelerato e’ legato a un maggior rischio di sviluppare sintomi come la dispnea.

Lo studio effettuato su 5.125 bambini da un team di pediatri del Medical Center di Rotterdam e’ stato pubblicato dall’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine. I bambini sono stati seguiti dal grembo alla crescita con cadenza annuale ed i loro genitori sono stati interrogati sui sintomi respiratori.

I ricercatori hanno scoperto che, rispetto ai neonati, la cui crescita segue il normale andamento nei mesi dopo la nascita, i bebe’ che hanno guadagnato peso rapidamente hanno rivelato il 44 per cento di possibilita’ in piu’ di soffrire di dispnea, il 22 per cento in piu’ di probabilita’ di avere il respiro corto e il 30 per cento in piu’ di probabilita’ di soffrire di persistente catarro. Questo suggerisce che l’improvviso aumento di peso non e’ da considerarsi necessariamente un ‘recupero’ dalla ridotta crescita nel grembo materno. Dujits Liesbeth, a capo dell’indagine, sottolinea come la prima infanzia risulti essere un ‘periodo critico’ per lo sviluppo dell’asma. E adesso sappiamo che il basso peso alla nascita e’ associabile ad un aumentato del rischio di ammalarsi d’asma .(AGI – Salute)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!