A Trescore Cremasco una giornata…

Venerdì 13 maggio, a Tres…

Gambe senza riposo: dagli oppioi…

La “Restless Legs Syndrom…

Ossitocina: Scoperta associazion…

Una variante del gene OXT…

Sono anti-Alzheimer le onde elet…

[caption id="attachment_5…

Il rapporto tra microglia ed Alz…

[caption id="attachment_6…

Celiachia: un aiuto a contrastar…

[caption id="attachme…

Rivoluzione nella gestione del d…

Istituzioni, società scie…

Microscopio multitouch: tra 'Min…

Un gruppo di ricercatori …

Diabete di tipo 2: Janssen ha pr…

Beerse (Belgio), 14 Marzo…

Divieto di fumo: sta riducendo c…

Il divieto di fumare nei…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Asma: quanto incide il rapido sviluppo nei primi tre mesi di vita. Il legame.

I neonati che crescono piu’ rapidamente nei primi tre mesi di vita hanno piu’ probabilita’ di sviluppare asma da bambini. Secondo una ricerca olandese infatti l’aumento di peso accelerato e’ legato a un maggior rischio di sviluppare sintomi come la dispnea.

Lo studio effettuato su 5.125 bambini da un team di pediatri del Medical Center di Rotterdam e’ stato pubblicato dall’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine. I bambini sono stati seguiti dal grembo alla crescita con cadenza annuale ed i loro genitori sono stati interrogati sui sintomi respiratori.

I ricercatori hanno scoperto che, rispetto ai neonati, la cui crescita segue il normale andamento nei mesi dopo la nascita, i bebe’ che hanno guadagnato peso rapidamente hanno rivelato il 44 per cento di possibilita’ in piu’ di soffrire di dispnea, il 22 per cento in piu’ di probabilita’ di avere il respiro corto e il 30 per cento in piu’ di probabilita’ di soffrire di persistente catarro. Questo suggerisce che l’improvviso aumento di peso non e’ da considerarsi necessariamente un ‘recupero’ dalla ridotta crescita nel grembo materno. Dujits Liesbeth, a capo dell’indagine, sottolinea come la prima infanzia risulti essere un ‘periodo critico’ per lo sviluppo dell’asma. E adesso sappiamo che il basso peso alla nascita e’ associabile ad un aumentato del rischio di ammalarsi d’asma .(AGI – Salute)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi