Fibrillazione atriale: antidolor…

L'uso degli antidolorifi…

Chirurgia oncologica: nuova tecn…

E' un'innovativa tecnica …

GLI ESPERTI DELLA PELLE TORNANO …

Roma, 30 settembre 2014 –…

Spina bifida: riduce incidenza i…

[caption id="attachment_9…

Grazie Professore - Umberto Vero…

[caption id="attachment_3…

Emofilia B: risultati dello stud…

SOBI (Swedish Orphan Bi…

L'autosufficienza piena nella pr…

Roma, 20 febbraio 201…

Cancro: un agente che sopprime l…

Scienziati testano gli ef…

Flora batterica intestinale: per…

Due convegni a Roma promu…

Chirurgia: protesi "a fiore" per…

Da oggi l'ernia guarisce …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete: quali sono i legami con i recettori della melatonina

Ci sarebbe un legame tra l’ormone che regola il ciclo sonno-veglia, la melatonina, e i rischi di sviluppare diabete di tipo 2.

Secondo uno studio pubblicato su ‘Nature Genetics’, le persone portatrici di una mutazione genetica in un recettore della melatonina avrebbero maggiori probabilita’ di ammalarsi di questa patologia. Precedenti studi avevano gia’ mostrato che le persone che lavoravano di notte erano a piu’ elevato rischio per il diabete di tipo 2 e le malattie cardiache. Inoltre, alcuni volontari che avevano ripetutamente subito disturbi durante il sonno per tre anni sviluppavano temporaneamente sintomi del diabete. Il ciclo sonno-veglia e’ regolato dalla melatonina che e’ responsabile di alcuni effetti come la sonnolenza e l’abbassamento della temperatura corporea. Gli scienziati dell’Imperial College di Londra hanno scoperto che i portatori di quattro mutazioni nel gene MT2, recettore della melatonina, hanno un rischio di sviluppare diabete fino a sei volte superiore alla norma.

La melatonina, infatti, regola il rilascio dell’insulina, che a sua volta regola il livello dello zucchero nel sangue. Le mutazioni individuate dagli studiosi potrebbero interferire nel rapporto fra melatonina e rilascio dell’insulina. Secondo i ricercatori, si tratta di una combinazione di mutazioni genetiche che, sebbene rara, ha mostrato piu’ d i ogni altra di avere effetti sulla probabilita’ di ammalarsi di diabete.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x