Nanotecnologie: scienziati in gr…

Utilizzando le nanotecnol…

Invecchiamento cardiaco: scopert…

[caption id="attachment…

Arteriosclerosi: l'esposizione a…

L'esposizione al cadmio,…

Strutture molecolari tridimensio…

Per la prima volta in ass…

Comunicare le biotecnologie e l’…

A confronto scienziati e …

Movimenti oculari e legami con l…

Scienziati nel Regno Unit…

Al Policlinico di Bari la prosta…

Policlinico di Bari Urolo…

Tumore rettale: primo intervento…

Londra, 30 nov. - Un pazi…

Epatite C: farmaco per eradicarl…

Un anno dopo l'approvazio…

Mieloma multiplo: sviluppata nuo…

Sviluppata una molecola s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattie autoimmuni: trattamento da erba cinese

Una pianta cinese dalle cui radici da duemila anni si ricava un estratto che cura la malaria potrebbe essere usata per combattere le malattie autoimmuni.

L’estratto, conosciuto come Chang Shan, si ricava da un tipo di ortensia che cresce in Tibet e Nepal. Recenti studi avevano suggerito che l’alofuginone, un composto derivato da un ingrediente bioattivo dell’estratto, poteva essere utilizzato per trattare molti disordini autoimmuni. Ora i ricercatori della Harvard School of Dental Medicine hanno scoperto i segreti molecolari che stanno dietro il potere di questo estratto di erbe.

L’alofuginone (Hf), si legge su Nature Chemical Biology, innesca una risposta che blocca lo sviluppo di una classe nociva di cellule immunitarie, chiamate Th17, implicate in molti disturbi autoimmuni. “L’Hf previene la risposta autoimmune senza danneggiare la normale attivita’ immunitaria”, ha spiegato Malcolm Whitman, tra gli autori della ricerca. “Il composto – ha aggiunto – potrebbe ispirare nuovi approcci terapeutici per una varieta’ di malattie autoimmuni”. Ricerche precedenti avevano mostrato che l’Hf riduceva le cicatrici nei tessuti, la sclerodermia, la sclerosi multipla e la progressione del cancro. “Questo studio e’ un esempio interessante per capire come il meccanismo molecolare dietro una pratica della medicina erboristica tradizionale cinese possa portare a nuove intuizioni sui meccanismi umani di regolazione fisiologica e a nuovi approcci nei trattamenti delle malattie”, ha concluso Tracy Keller, primo autore della ricerca .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi