Scoperto come lo stress cronico …

Lo stress cronico dannegg…

L’uso degli equivalenti è un fat…

 Nell’ambito del tavolo s…

Torna la bandiera verde dei pedi…

Acqua pulita e bassa vici…

Allarme dolcificanti artificiali…

I risultati di uno studio…

Nuovo test urina per identificar…

- Un team di ricercatori …

Autismo: un farmaco anticancro p…

Un nuovo farmaco sperimen…

Ebola: è codice rosso anche negl…

Tra 90 e 110 morti è il b…

Test diagnosi diabete gestaziona…

[caption id="attachme…

Vicenda pannoloni: Fondazione it…

De Gennaro, Presidente Co…

Ospedali di qualità a misura di …

Esce oggi il nuovo bando …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Supercellule per la rigenerazione cardiaca

Uno studio in collaborazione tra l’Istituto di biologia cellulare e neurobiologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Ibcn-Cnr) di Roma e l’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico MultiMedica di Milano apre nuove prospettive nel panorama delle terapie cellulari, dimostrando per la prima volta che i cardiomiociti – le cellule del cuore – possono essere una fonte di cellule staminali con caratteristiche ‘differenziative’ vantaggiose rispetto ad altre staminali.

La ricerca, condotta dai ricercatori Roberto Rizzi e Claudia Bearzi, e’ stata pubblicata sulla rivista Cell Death and Differentiation.

”I cardiomiociti hanno capacita’ proliferative minime se non assenti e cio’ significa che a seguito di danno ischemico cardiaco, come per esempio nell’infarto, si crea una cicatrice riducendo la capacita’ funzionale del cuore, situazione nota come scompenso cardiaco”, spiega Roberto Rizzi, ”il nostro lavoro ha dimostrato che, attraverso l’introduzione di geni fetali, e’ possibile ricondurre queste cellule gia’ differenziate a uno stato embrionale. Una volta ottenute le staminali dai cardiomiciti, queste sono state indotte a differenziare nuovamente in cellule cardiache battenti.

La ricerca ha messo in evidenza che le cellule multipotenti indotte ottenute dai cardiomiociti hanno una capacita’ maggiore di ridiventare nuovamente cellule cardiache contrattili, rispetto ad altre cellule staminali, e ne ha definito le basi molecolari stabilendo che questa ‘memoria’ dipende da pochi geni”.

Grazie a questa ricerca, si apre la possibilita’ di utilizzare i cardiomiociti come cellule staminali cardiache, passando per lo stadio embrionale. ”Grazie alle loro capacita’ differenziative, queste cellule potranno essere utilizzate per la riparazione del miocardio danneggiato”, prosegue Claudia Bearzi, ”la capacita’ di generare qualsiasi tipo di tessuto e’ esclusiva delle cellule staminali embrionali ma e’ noto che restrizioni etiche limitano l’utilizzo delle stesse. Nel 2006, un ricercatore giapponese, Shinya Yamanaka, ha dimostrato la possibilita’ di riportare cellule neonatali e adulte, quindi gia’ differenziate, ad una condizione di ‘staminalita”, con la capacita’ di generare tessuti pari a quella delle cellule staminali embrionali con l’introduzione di pochi geni fetali. Queste staminali ottenute da cellule mature erano state definite multipotenti indotte”.

Gli autori della ricerca sono rientrati in Italia dopo un lungo periodo lavorativo negli Stati Uniti d’America presso la Harvard Medical School. La ricerca e’ stata finanziata dal ministero della Salute nell’ambito del programma ‘giovani ricercatori’ ed e’ supportata da collaborazioni con altre istituzioni italiane, tra cui le Universita’ di Torino, di Milano Bicocca e Vita e Salute San Raffaele di Milano.

Archivi