Ritardo mentale legato ad una pr…

[caption id="attachment_5…

Cancro al seno: la notizia buona…

Il tumore del seno fa…

Dermatite atopica: approvato il …

[caption id="attachment_1…

Alzheimer: nei casi ereditari si…

Scienziati della Was…

Tumori: "No" secco dei chirurghi…

Il secco no alla chirur…

Approvato il denosumab, il rivol…

E’ la prima autorizzazi…

Malattie osteoarticolari: a Fire…

Il 18% della popolazi…

Sanità: Nimesulide, rimborsabili…

In Italia, AIFA prima esc…

Morbo di Parkinson: ottenute cel…

Ricercatori Usa sono rius…

La rete europea LeukemiaNet agev…

I ricercatori europei con…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Operata donna con due tiroidi a Roma: asportate.

Asportate due tiroidi a una donna romana. “Una era in posizione normale e presentava dei noduli, mentre l’altra si era sviluppata nel torace, proprio sopra il cuore, e aveva ormai le dimensioni di un’arancia”.

A descrivere all’Adnkronos Salute l’intervento, condotto stamani al Policlinico Umberto I di Roma, è Fabio Procacciante, direttore della Uoc di chirurgia generale ed endocrina del Policlinico e responsabile di una delle due equipe che hanno operato la paziente, una donna di 45 anni dotata dalla nascita di due tiroidi.
“La paziente ora è in terapia intensiva, sta bene, e dovrebbe essere dimessa in circa una settimana. La crescita di una seconda tiroide e’ una condizione non eccezionale, ma neanche molto frequente – spiega Procacciante – Accade una volta ogni 8 mila pazienti con patologie della tiroide.

In genere nell’embrione la tiroide è posizionata sotto il mento, ma trasmigra al posto giusto nel corso della gravidanza. Nella discesa però le cellule possono finire sotto la lingua, o addirittura sopra il cuore, come è accaduto alla paziente”, formando una seconda tiroide. Il problema è scoprirlo: la donna era sotto controllo per una familiarità di problemi tiroidei. E proprio “gli esami di controllo, fra cui una scintigrafia, ci hanno mostrato una massa che si è rivelata essere una tiroide perfettamente funzionante di 2-3 cm, che però via via è cresciuta, arrivando alle dimensioni di un’arancia e comprimendo i vasi sanguigni”.
Un aspetto che ha reso particolarmente delicato l’intervento. “C’era il rischio di emorragie, così la paziente si è sottoposta a una serie di prelievi di sangue, che avrebbe potuto usare in caso di bisogno. Ma non sono serviti. Alcune Tac ci hanno permesso di osservare e ricostruire il percorso di vene e arterie”, per capire come muoversi. L’intervento, che ha comportato una sternotomia ed è stato eseguito insieme all’equipe di Chirurgia toracica, e’ durato circa cinque ore, “ed è perfettamente riuscito. Ora la paziente dovra’ prendere una pillola al giorno di ormone tiroideo per la terapia sostitutiva – conclude Procacciante – ma per il resto farà una vita normale”. (ADNKronos)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!