Inoltrata domanda all’FDA per #r…

Una volta approvato, riva…

Un nuovo freno alle metastasi os…

[caption id="attachment_1…

Individuato il meccanismo attrav…

Individuato il meccanismo…

Scienziati trovano una nuova str…

Un team di ricercatori fi…

Tenere il cervello allenato allo…

[caption id="attachment_8…

Il ruolo dei prioni nella memori…

Le proteine prioniche, no…

Cannabis terapeutica: quella leg…

La Stampa intervista Ales…

Attacchi cardiaci: meditare li t…

La meditazione trascende…

Fibrosi cistica e ricerca: il fr…

La bassa temperatura per …

Midollo osseo produce cellule ch…

Il motivo per cui si man…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Operata donna con due tiroidi a Roma: asportate.

Asportate due tiroidi a una donna romana. “Una era in posizione normale e presentava dei noduli, mentre l’altra si era sviluppata nel torace, proprio sopra il cuore, e aveva ormai le dimensioni di un’arancia”.

A descrivere all’Adnkronos Salute l’intervento, condotto stamani al Policlinico Umberto I di Roma, è Fabio Procacciante, direttore della Uoc di chirurgia generale ed endocrina del Policlinico e responsabile di una delle due equipe che hanno operato la paziente, una donna di 45 anni dotata dalla nascita di due tiroidi.
“La paziente ora è in terapia intensiva, sta bene, e dovrebbe essere dimessa in circa una settimana. La crescita di una seconda tiroide e’ una condizione non eccezionale, ma neanche molto frequente – spiega Procacciante – Accade una volta ogni 8 mila pazienti con patologie della tiroide.

In genere nell’embrione la tiroide è posizionata sotto il mento, ma trasmigra al posto giusto nel corso della gravidanza. Nella discesa però le cellule possono finire sotto la lingua, o addirittura sopra il cuore, come è accaduto alla paziente”, formando una seconda tiroide. Il problema è scoprirlo: la donna era sotto controllo per una familiarità di problemi tiroidei. E proprio “gli esami di controllo, fra cui una scintigrafia, ci hanno mostrato una massa che si è rivelata essere una tiroide perfettamente funzionante di 2-3 cm, che però via via è cresciuta, arrivando alle dimensioni di un’arancia e comprimendo i vasi sanguigni”.
Un aspetto che ha reso particolarmente delicato l’intervento. “C’era il rischio di emorragie, così la paziente si è sottoposta a una serie di prelievi di sangue, che avrebbe potuto usare in caso di bisogno. Ma non sono serviti. Alcune Tac ci hanno permesso di osservare e ricostruire il percorso di vene e arterie”, per capire come muoversi. L’intervento, che ha comportato una sternotomia ed è stato eseguito insieme all’equipe di Chirurgia toracica, e’ durato circa cinque ore, “ed è perfettamente riuscito. Ora la paziente dovra’ prendere una pillola al giorno di ormone tiroideo per la terapia sostitutiva – conclude Procacciante – ma per il resto farà una vita normale”. (ADNKronos)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi