Jet lag: lo scatena un ormone, l…

Anche il jet lag è contro…

Le barriere coralline che resist…

Gli ecosistemi delle barr…

[Comunicato stampa] Presentati a…

Presentati nel corso del …

I nuovi dati presentati al Congr…

[caption id="attachment_2…

Al Cardarelli "sfida" di alta ch…

Il 28 novembre 2013 avrà …

Elisir di lunga vita? Alimentazi…

Nessun ingrediente miraco…

AIFA blocca lotto di emoaderivat…

L'Aifa "ha disposto, per …

Il progetto MIRACLE per intensif…

[caption id="attachment_8…

Aglio: marker naturale anti-tumo…

[caption id="attachment…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Patologie cardiache: saranno trattate con staminali del midollo osseo

L’uso su malati cardiopatici di cellule staminali provenienti dal loro medesimo midollo osseo ha dato risultati incoraggianti per riparare i tessuti danneggiati del loro cuore.

Cosi’ uno studio presentato alla 66ma conferenza annuale dell’American College of Cardiology (ACC) riunita questo week-end a Chicago (Illinois).
Si tratta dello studio piu’ esteso mai fatto per esaminare la terapia cellulare su pazienti che soffrono di insufficienza cardiaca cronica, cioe’ l’incapacita’ del cuore a pompare sangue.
I partecipanti allo studio clinico, con un’eta’ media di 63 anni, soffrono anche di disfunzioni al ventricolo sinistro del proprio cuore.

Lo studio e’ stato condotto tra il 2009 e il 2011 in cinque centri ospedalieri con 92 malati, una cui parte e’ stata scelta per essere trattata con cellule staminali ricavate dal proprio midollo osseo.
Lo studio e’ stato condotto dal dr Emerson Perin, direttore della ricerca clinica in medicina cardiovascolare all’Istituto del Cuore del Texas.
I ricercatori hanno rilevato che i pazienti trattati con le proprie cellule staminali del midollo osseo, a differenza di quelli non trattati, manifestavano un miglioramento modesto ma significativo del 2,7% del volume di sangue rinviato dal ventricolo sinistro.
I malati piu’ giovani avevano piu’ staminali nel proprio midollo osseo, e per questo erano piu’ avvantaggiati rispetto a quelli piu’ anziani. La terapia e’ stata eseguita iniettando le cellule nel ventricolo sinistro con l’aiuto di un catetere.
ADUC SALUTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi