Ritardo mentale legato ad una pr…

[caption id="attachment_5…

Cancro al seno: la notizia buona…

Il tumore del seno fa…

Dermatite atopica: approvato il …

[caption id="attachment_1…

Alzheimer: nei casi ereditari si…

Scienziati della Was…

Tumori: "No" secco dei chirurghi…

Il secco no alla chirur…

Approvato il denosumab, il rivol…

E’ la prima autorizzazi…

Malattie osteoarticolari: a Fire…

Il 18% della popolazi…

Sanità: Nimesulide, rimborsabili…

In Italia, AIFA prima esc…

Morbo di Parkinson: ottenute cel…

Ricercatori Usa sono rius…

La rete europea LeukemiaNet agev…

I ricercatori europei con…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: scoperto quale gene nella popolazione asiatica provoca farmaco-resistenza

Un team internazionale di ricerca guidato dagli scienziati della Duke-NUS Graduate Medical School di Singapore ha scoperto la causa per cui alcuni pazienti non rispondono ad alcuni dei farmaci anti-cancro di maggior successo.

I farmaci inibitori della tirosin-chinasi (TKIs) agiscono efficacemente sulla maggior parte dei pazienti affetti da leucemia mieloide cronica (CML) e dalle forme di cancro al polmone (NSCLC) con mutazioni nel gene EGFR. Questi farmaci, infatti, sono mirati proprio a tagliare i percorsi molecolari che permettono a questi tumori di vivere. Ora, il team della Duke-NUS Graduate Medical School di Singapore, in collaborazione con il Genome Institute di Singapore (GIS) e con il Singapore General Hospital, ha scoperto che nelle persone dell’est asiatico c’e’ una variazione comune in un gene (BIM) che rende inefficaci i farmaci inibitori della tirosin-chinasi.

“Siamo finalmente in grado di elaborare una strategia per superare questo problema”, ha detto S. Tiong Ong, autore dello studio e professore associato al Cancer and Stem Cell Biology Signature Research Programme presso il Duke-NUS. “Una nuova classe di farmaci, chiamati mimetici BH3, ci ha fornito la risposta. Quando i farmaci BH3 sono stati aggiunti alla terapia TKI in esperimenti condotti su cellule tumorali con la variante del gene BIM – ha continuato – siamo riusciti a superare la resistenza conferita dal gene. Il nostro prossimo passo sara’ quello di condurre in fase clinica lo studio”. La ricerca e’ stata pubblicata on line su Nature Medicine. “Stiamo lavorando a stretto contatto con il Genome Institute per sviluppare un test clinico per la variante del gene BIM, in modo da rendere rapidamente disponibili gli effetti della nostra scoperta ai malati”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!