Problemi alla tiroide: cambiamen…

Le ferie volgono al term…

Screening salvavita per il contr…

[caption id="attachme…

In condizioni di stress, cellule…

[caption id="attachment_7…

Influenza: conoscere e interveni…

[caption id="attachme…

Ricerca mostra la base genetica …

(Cordis)Due studi di rice…

Tricotillomania e dieta: quale l…

[caption id="attachment_1…

Influenza e bambini: si puo' cur…

[caption id="attachm…

Il valore soggettivo per i neuro…

Quando si osserva un'azio…

PMA a KM 0: il ruolo del ‘medico…

Gli esperti riuniti a Cat…

Prima giornata nazionale di sens…

PRIMA GIORNATA NAZIONALE …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

AIDS: dimostrata efficacia preventiva pillole antiretrovirali

La pillola anti-Hiv si dimostra efficace anche nella prevenzione. Lo dimostrano alcuni ricercatori della Stanford University in uno studio pubblicato sugli Annals of Internal Medicine.

Secondo gli scienziati l’assunzione giornaliera di una pillola destinata al trattamento contro il virus dell’Hiv potrebbe rivelarsi efficace per la prevenzione tra i membri ad alto rischio della popolazione. Il farmaco, noto come tenofovir-emtricitabina, ha ridotto il rischio di infezione da Hiv di quasi il 50 per cento nel corso di una sperimentazione clinica tenuta nel 2010. Nei soggetti che hanno assunto il farmaco con sistematicita’ la riduzione del potenziale infettivo si e’ ridotta anche del 70 per cento. “La pillola, venduta con il marchio Truvada, e’ utilizzata per il trattamento dei pazienti gia’ infettati da Hiv, ma lo studio ha dimostrato che essa e’ efficace anche nella prevenzione della diffusione della malattia”, ha riferito Jessie Juusola, primo autore dello studio.

Il produttore del farmaco, la Foster City Gilead Sciences Inc., ha presentato una nuova richiesta alla Fda per consentire l’utilizzo del farmaco anche per fini di prevenzione. Lo studio dimostra che se la somministrazione del farmaco alla popolazione generale esposta al rischio costerebbe quasi 500 miliardi di dollari, una piu’ oculata distribuzione all’interno di questa popolazione porterebbe a un abbattimento dei costi di oltre l’80 per cento. Il team ha stimato il costo della pillola a 26 dollari al giorno. “Anche se non si tratta di costi proibitivi, nell’attuale clima di assistenza sanitaria si tratta di un rapporto ancora molto difficile da sostenere, soprattutto in considerazione delle altre priorita’ nella lotta contro l’Hiv, quali per esempio il trattamento dei soggetti infetti”, hanno concluso i ricercatori.(AGI)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi