Tbc: Scoperto un nuovo meccanism…

[caption id="attachment_1…

Obesita' nei bambini e' patologi…

[caption id="attachment_7…

Parkinson: prevenirlo mangiando …

Una nuova ricerca mo…

Cancro alla vescica: bere molta …

Bere molti liquidi, in pa…

AIDS: contraccettivo ormonale ra…

Le donne che utilizzano …

Sei stato allattato al seno? Far…

Lo sostiene uno studio in…

Parkinson: probabile un calo di …

Un improvviso calo nei …

Laparoscopia del futuro: i tessu…

Presto i chirurghi potran…

Leucemia in fase avanzata: nuovo…

In occasione di uno de…

Istituto Tumori: trapianto stami…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cartilagini riparate con l’uso di cellule staminali

E’ possibile rigenerare la cartilagine direttamente li’ dove serve, con una semplice iniezione nell’articolazione danneggiata dall’artrosi: questo grazie alla cartogenina, una nuova molecola che risveglia le cellule staminali della cartilagine spingendole a riparare i danni creati dalla malattia.

L’hanno sperimentata con successo nei topi i ricercatori dello Scripps Research Institute in California, che presentano i primi risultati su Science.
Questa piccola, ma potente, molecola ‘anti-artrosi’ agisce sulle cellule staminali adulte presenti nelle articolazioni e chiamate staminali mesenchimali: queste ultime sono capaci di differenziarsi in diversi tipi di cellule e da tempo si sospetta che possano essere coinvolte nella riparazione della cartilagine articolare.

I ricercatori hanno dimostrato che una semplice iniezione di cartogenina nell’articolazione malata da’ la ‘sveglia’ a queste staminali, inducendole a trasformarsi nelle cellule tipiche della cartilagine chiamate condrociti.
La cartogenina agisce rompendo l’interazione tra due proteine chiamate ‘filamina A’ e ‘CBF beta’: in questo modo riesce a controllare l’espressione di un’intera famiglia di proteine che giocano un ruolo chiave nello sviluppo muscolo-scheletrico.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi