Alzheimer: fibrille proteine tau…

Le malattie del cervello …

Materia grigia meglio conservata…

Mangiare pesce al forno o…

Lesione al midollo: riparata su …

[caption id="attachment_1…

Sistema immunitario e nanopartic…

La nanotecnologia è un'in…

Teva: 6 siti produttivi e progra…

“The Italian-Israeli Bu…

In sangue centenaria 400 mutazio…

Se molto si sa delle muta…

Obesità: un circuito genetico si…

Un circuito genetico sint…

Cellule staminali dalla liposuzi…

[caption id="attachme…

Scompenso cardiaco: arriva una m…

Italia protagonista nella…

Terza età e vita sessuale: più a…

In pochi riescono a pensa…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cartilagini riparate con l’uso di cellule staminali

E’ possibile rigenerare la cartilagine direttamente li’ dove serve, con una semplice iniezione nell’articolazione danneggiata dall’artrosi: questo grazie alla cartogenina, una nuova molecola che risveglia le cellule staminali della cartilagine spingendole a riparare i danni creati dalla malattia.

L’hanno sperimentata con successo nei topi i ricercatori dello Scripps Research Institute in California, che presentano i primi risultati su Science.
Questa piccola, ma potente, molecola ‘anti-artrosi’ agisce sulle cellule staminali adulte presenti nelle articolazioni e chiamate staminali mesenchimali: queste ultime sono capaci di differenziarsi in diversi tipi di cellule e da tempo si sospetta che possano essere coinvolte nella riparazione della cartilagine articolare.

I ricercatori hanno dimostrato che una semplice iniezione di cartogenina nell’articolazione malata da’ la ‘sveglia’ a queste staminali, inducendole a trasformarsi nelle cellule tipiche della cartilagine chiamate condrociti.
La cartogenina agisce rompendo l’interazione tra due proteine chiamate ‘filamina A’ e ‘CBF beta’: in questo modo riesce a controllare l’espressione di un’intera famiglia di proteine che giocano un ruolo chiave nello sviluppo muscolo-scheletrico.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!