La Società Italiana di Neurologi…

Roma, 26 novembre 2014 – …

Supervirus H5N1 creato in labora…

Due esperimenti in Olanda…

Sindrome delle gambe senza ripos…

Un team internazionale di…

Insufficienza cardiaca: la stimo…

La stimolazione dei nervi…

Cellule staminali contro la Scle…

La sclerosi laterale …

Malattie ematologiche: il trapia…

Ci sono persone affette d…

Tumori neuroendocrini: terapie m…

Sono poco conosciuti ma c…

Legame tra autismo e anticorpi m…

Un gruppo di ricercator…

Parkinson: individuati nuovi mar…

[caption id="attachment_9…

Farmaco contro la leucemia ralle…

Un farmaco comunemente us…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule cancerose affamate di glicina: nuovo indizio per nuove terapie?

Le cellule del cancro in crescita hanno un disperato bisogno di glicina, un aminoacido che gli uomini traggono dal cibo. La Scoperta, pubblicata su ”Science”, e’ opera di alcuni ricercatori dell’Harvard Medical School di Boston. La glicina potrebbe essere importante per sintetizzare il Dna e l’Rna nelle cellule cancerose e potrebbe condurre a nuove terapie anticancro che attacchino i sistemi che le cellule usano per metabolizzare questa sostanza. Gli studiosi hanno analizzato 60 cellule cancerose su capsule Petri sviluppando una sorta di diario giornaliero circa la loro nutrizione.


I ricercatori hanno scoperto che le cellule che proliferano rapidamente tendevano a consumare molta glicina, quelle che invece erano piu’ pire tendevano a rilasciare questo aminoacido. Gli scienziati ritengono che la misura del consumo di glicina potrebbe aiutare a classificare la mortalita’ di un tipo di cancro e potrebbe predire la sensibilita’ ai farmaci della malattia .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: