Merck Serono completa l'arruolam…

Merck Serono completa l…

Cocaina: potrebbe essere una pre…

I risultati dello studio …

Tumore al seno: anche prima dei …

Una nuova analisi condott…

Vitiligine: efficace l'autotrapi…

[caption id="attachment_6…

Fu il plancton a contribuire sos…

Il plancton fornì un cont…

Fibromialgia: terapia psicologic…

Un intervento psicologico…

Ecolocalizzazione: potremmo vede…

[caption id="attachment_1…

Journal of Clinical Oncology: l’…

La pubblicazione, su un…

AiDS: un farmaco anti-rigetto st…

Una nuova ricerca pubblic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule cancerose affamate di glicina: nuovo indizio per nuove terapie?

Le cellule del cancro in crescita hanno un disperato bisogno di glicina, un aminoacido che gli uomini traggono dal cibo. La Scoperta, pubblicata su ”Science”, e’ opera di alcuni ricercatori dell’Harvard Medical School di Boston. La glicina potrebbe essere importante per sintetizzare il Dna e l’Rna nelle cellule cancerose e potrebbe condurre a nuove terapie anticancro che attacchino i sistemi che le cellule usano per metabolizzare questa sostanza. Gli studiosi hanno analizzato 60 cellule cancerose su capsule Petri sviluppando una sorta di diario giornaliero circa la loro nutrizione.


I ricercatori hanno scoperto che le cellule che proliferano rapidamente tendevano a consumare molta glicina, quelle che invece erano piu’ pire tendevano a rilasciare questo aminoacido. Gli scienziati ritengono che la misura del consumo di glicina potrebbe aiutare a classificare la mortalita’ di un tipo di cancro e potrebbe predire la sensibilita’ ai farmaci della malattia .

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!