Infarto: nelle donne è conseguen…

Le giovani donne most…

Epatite C: gli esperti consiglia…

Trattare tutti i pazienti…

L'occhio della donna ha le pupil…

Un nuovo studio dell'Univ…

TBC e malattie autoimmuni: scope…

Pubblicato sulla rivi…

Virus Ebola: due farmaci per com…

Medicinali “biologici” us…

L’equivalenza terapeutica tra or…

L’AIFA ha chiarito al di …

Sclerosi multipla: il 30 Maggio …

In occasione della XV Set…

Tessuto del fegato ottenuto "sta…

Si avvicina la produ…

Nuovo pancreas nell'intestino de…

Creare un 'nuovo pancreas…

Tumori: statine possono rallenta…

Le statine, noti farmaci …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule cancerose affamate di glicina: nuovo indizio per nuove terapie?

Le cellule del cancro in crescita hanno un disperato bisogno di glicina, un aminoacido che gli uomini traggono dal cibo. La Scoperta, pubblicata su ”Science”, e’ opera di alcuni ricercatori dell’Harvard Medical School di Boston. La glicina potrebbe essere importante per sintetizzare il Dna e l’Rna nelle cellule cancerose e potrebbe condurre a nuove terapie anticancro che attacchino i sistemi che le cellule usano per metabolizzare questa sostanza. Gli studiosi hanno analizzato 60 cellule cancerose su capsule Petri sviluppando una sorta di diario giornaliero circa la loro nutrizione.


I ricercatori hanno scoperto che le cellule che proliferano rapidamente tendevano a consumare molta glicina, quelle che invece erano piu’ pire tendevano a rilasciare questo aminoacido. Gli scienziati ritengono che la misura del consumo di glicina potrebbe aiutare a classificare la mortalita’ di un tipo di cancro e potrebbe predire la sensibilita’ ai farmaci della malattia .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi