Cancro alla prostata: la circonc…

La circoncisione potrebbe…

Mano bionica addio: trapianto-od…

"Ieri la moglie di Walter…

Il Governo Monti dice 'no' ai ri…

Roma, 21 dicembre 2012. R…

Scoperto un nuovo meccanismo gen…

[caption id="attachment_2…

Retiniti e maculopatie: nuove pr…

[caption id="attachme…

Il sistema immunitario perde la …

Perche' delle persone sof…

Marijuana e salute: una relazion…

L’uso abituale di marijua…

Malattie autoimmuni, un aiuto da…

Secondo un nuovo studio, …

Diabete: le beta-cellule del pan…

[caption id="attachment_7…

Sindrome di Paget - dolore croni…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule cancerose affamate di glicina: nuovo indizio per nuove terapie?

Le cellule del cancro in crescita hanno un disperato bisogno di glicina, un aminoacido che gli uomini traggono dal cibo. La Scoperta, pubblicata su ”Science”, e’ opera di alcuni ricercatori dell’Harvard Medical School di Boston. La glicina potrebbe essere importante per sintetizzare il Dna e l’Rna nelle cellule cancerose e potrebbe condurre a nuove terapie anticancro che attacchino i sistemi che le cellule usano per metabolizzare questa sostanza. Gli studiosi hanno analizzato 60 cellule cancerose su capsule Petri sviluppando una sorta di diario giornaliero circa la loro nutrizione.


I ricercatori hanno scoperto che le cellule che proliferano rapidamente tendevano a consumare molta glicina, quelle che invece erano piu’ pire tendevano a rilasciare questo aminoacido. Gli scienziati ritengono che la misura del consumo di glicina potrebbe aiutare a classificare la mortalita’ di un tipo di cancro e potrebbe predire la sensibilita’ ai farmaci della malattia .

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x