Virus H7N9 mutato: ora, resisten…

Il ceppo cinese del virus…

Gel anti-HIV per le donne, avant…

Il preparato ha prevenuto…

Obesità: arriva pacemaker che st…

Un sistema intelligente p…

Disponibile anche in Italia lina…

In vigore il provvedim…

Tumori del colon-retto: identifi…

Identificate le molecole …

Scoperto un nuovo fattore di ris…

[caption id="attachment_5…

Scoperto il 'turbo' molecolare c…

[caption id="attachment_5…

AIDS: crescono di un terzo i cas…

Negli ultimi dieci anni e…

Cancro alle ovaie e fumo: scoper…

Ricercatori britannici sc…

Fecondazione assistita: sono 5 m…

Sono arrivati a quota 5 m…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Seni “rifatti” under 18 adesso proibiti. E’ legge!

Mai più “ritocchini” al seno per le minori di diciotto anni, se non per motivi legati a “gravi malformazioni congenite”. Il Parlamento mette un freno agli interventi per le protesi mammarie sulle minorenni con l’approvazione in Commissione Affari sociali – con voto unanime – del disegno di legge (nella scheda l’iter e il testo) che istituisce i registri regionale e nazionale delle protesi mammarie. Adesso toccherà al ministero della Salute, entro sei mesi, emanare il decreto regolamentare per la tenuta del registro, attribuita alla  Direzione generale farmaci e dispositivi medici del ministero.

La legge presentata dall’ex ministro della Salute Ferruccio Fazio e sostenuta dall’allora sottosegretario Francesca Martini, detiene anche un primato: è il secondo provvedimento in ambito sanitario che le Camere approvano in questa legislatura. L’altro è la legge sulle cure palliative nel dolore cronico e oncologico, la legge 38/2010.

L’iter della legge che vieta di impiantare protesi al seno per le under 18 è stato sicuramente accelerato anche dallo scandalo delle protesi Pip, le protesi francesi costruite con materiali scadenti, pericolosi e a rischio rottura. Sulla scia di quell’episodio il Senato ha anche introdotto un inasprimento della pena per chi violerà la legge, con una multa che va da 5.000 a 20.000 euro. Con l’entrata in vigore della legge, dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, i chirurghi che interverranno sulle minori, eccezion fatta per i casi previsti, rischiano oltre al massimo della multa, tre mesi di sospensione dall’attività. (Il sole 24 ore

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi