Tumore del fegato: un bersaglio …

Lo studio identifica nell…

Quando l’allergia da punture d’i…

I pediatri della Società …

Da oggi è attivo l'obbligo del p…

Con la pubblicazione sull…

Il biosimilare in Italia è un’oc…

Roma, 25 giugno 2015 - “L…

Due le molecole della memoria e …

Si chiamano MAPK e PKA e …

Leucemia Mieloide Cronica nell'o…

Un nuovo studio suggerisc…

Helicobacter pylori: provoca ulc…

[caption id="attachment_2…

Ansia: scoperte aree del cervell…

Problemi di comunicazione…

Cancro: terapia col virus "Rigvi…

Stranamente, i malati di …

Movimenti oculari e legami con l…

Scienziati nel Regno Unit…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Staminali impiantate nell’occhio per ridonare la vista, eccezionale intervento

Eccezionale intervento in Gran Bretagna. Due persone hanno ricevuto un trapianto di cellule staminali negli occhi, all’interno di una sperimentazione clinica sulla lotta alla cecità.

La tecnica usata è stata sviluppata dagli specialisti scozzesi contro la cecità corneale, e secondo i ricercatori, i due casi sono i primi del genere nel Regno Unito. Entrambi i pazienti trattati soffrono di cecità corneale; fino ad ora l’unica cura possibile era un trapianto di tessuto corneale da un donatore.
Illustrando la sperimentazione, i medici hanno spiegato che Sylvia Paton, da Edimburgo, è stata la prima a subire il trapianto. Dovranno passare diversi mesi prima che i medici possano dire fino a che punto la procedura ha funzionato.

“Questo trattamento innovativo – commenta alla Bbc online il segretario alla Salute, Nicola Sturgeon – potrebbe ridare la vista e migliorare la vita di molti pazienti, ed è fondamentale che continuiamo a investire in progetti innovativi come questo. Sylvia è un esempio molto concreto di come la cecità corneale possa avere un impatto drammatico, e questo intervento potrebbe trasformare la sua vita”.
Lo studio è finanziato dalla UK Stem Cell Foundation and Scottish Enterprise in collaborazione con lo Chief Scientist Office (CSO).(ADNKRONOS)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi