Tumori: nuovo test a basso costo…

Messa a punto una nuova m…

Il meccanismo della molecola ant…

[caption id="attachment_8…

Caffè in gravidanza: rischi di l…

Le donne incinte che bevo…

Papillomavirus: il rischio di co…

Il 50% degli uomini p…

Antidepressivi in gravidanza: no…

Gli antidepressivi in gra…

San Valentino è il protettore de…

Martedì 14 febbraio 2012 …

Longevità femminile superiore al…

Le donne, si sa, tend…

Sudore: una fibra tessile studia…

I ricercatori dell'Imem-C…

Melanoma: incidenza di recidive …

Studio italiano scopre un…

Dopo l'infarto: la mancata riabi…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vasi sanguigni danneggiati riparati da cellule “di supporto”

Stimolare la produzione di cellule di “serie B” per rigenerare i vasi sanguigni danneggiati. Si tratta della tecnica messa a punto da Matthew Frontini, ricercatore della Schulich School of Medicine & Dentistry, e da Geoffrey Pickering, della University of Western Ontario, di London (in Canada), nel corso di uno studio pubblicato su Nature Biotechnology.


Durante l’esperimento, condotto su un gruppo di topi, i due scienziati, tramite l’impiego di un fattore biologico – chiamato fattore di crescita dei fibroblasti 9 (FGF9) -, hanno stimolato la produzione delle cellule “di supporto” della parete vascolare – anziché concentrarsi, come avevano fatto gli studi precedenti, su quelle endoteliali o sulle cellule che rivestono la parete arteriosa – per favorire la rigenerazione dei vasi danneggiati.

Al termine dello studio, gli esperti hanno rilevato che i nuovi germogli vascolari non erano avvizziti e scomparsi, a differenza di quelli prodotti tramite l’attivazione delle cellule “principali”, ma erano durati oltre un anno. Non è tutto: i vasi sanguigni così “rigenerati” risultavano avvolti da una rete di cellule muscolari in grado di comprimerli e distenderli, un processo che assicura ai tessuti il giusto apporto di sangue e di ossigeno.

“L’FGF9 sembra ‘risvegliare’ le cellule di sostegno e stimolarne l’avvolgimento intorno alla parete vascolare –, spiega Frontini -. L’idea di stimolare le cellule di ‘supporto’ anziché quelle ‘principali’ offre la possibilità di ripensare e di migliorare il modo di curare i pazienti affetti da disturbi vascolari”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi