Videocapsule potrebbero sostitui…

[caption id="attachment_1…

Ancora un mese per partecipare a…

Con 500.000 persone col…

Psoriasi: rischia l'insorgenza d…

Le persone affette da for…

Boehringer Ingelheim inizia uno …

Primo studio registra…

Resveratrolo, e l'efficacia cont…

Un composto polifenolico,…

La multipla personalita' dei gen…

[caption id="attachment_5…

Scienziati spiegano come le cell…

La questione di come sing…

Parto naturale stimola nella don…

Il parto naturale, a diff…

Mammografia: in grado di dimezza…

Vincere il cancro del sen…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Pelle chiara e bagni di sole: gli inaspettati “lati buoni” della combinazione contro il cancro al pancreas

Avere la pelle sensibile alle scottature solari potrebbe nascondere un ‘effetto collaterale’ positivo: essere più protetti dal cancro al pancreas. E’ una delle conclusioni di un lavoro australiano presentato a Lake Tahoe, Nevada, alla conferenza dell’American Association for Cancer Research (Aacr) ‘Pancreatic Cancer: Progress and Challenges’. La ricerca, coordinata da Rachel Neale del Queensland Institute of Medical Reserach, rileva minori probabilità di ammalarsi di tumore pancreatico per le persone nate in aree geografiche con livelli maggiori di radiazioni ultraviolette (rischio del 24% inferiore), per quelle con un fototipo più sensibile al sole (-49%) e infine per chi ha alle spalle un tumore della pelle o altre lesioni cutanee (-40%).

I nuovi dati, raccolti incrociando le rilevazioni effettuate su 714 persone reclutate a Queensland fra il 2007 e il 2011 e su 709 controlli, si inseriscono in un filone di studi controverso che riguarda i legami fra rischio di cancro al pancreas, esposizione al sole e livelli di vitamina D.

Infatti “diversi studi ecologici, incluso uno condotto in Australia – ricorda Neale – hanno suggerito che chi vive in aree caratterizzate da un’alta esposizione al sole ha un minor rischio di tumore pancreatico. Tuttavia alcune ricerche sui livelli circolanti di vitamina D hanno indicato che le persone con livelli maggiori di questa sostanza hanno un rischio di cancro aumentato, come pure le persone che assumono quantità superiori” di ‘vitamina del sole’.

Alla luce di questi dati contrastanti, “è importante chiarire i rischi e i benefici dell’esposizione al sole e dell’integrazione di vitamina D anche attraverso la dieta”, ritiene Neale che sollecita studi più ampi in grado di fare chiarezza. (ADNKRONOS)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!