Merck Serono completa l'arruolam…

Merck Serono completa l…

Cocaina: potrebbe essere una pre…

I risultati dello studio …

Tumore al seno: anche prima dei …

Una nuova analisi condott…

Vitiligine: efficace l'autotrapi…

[caption id="attachment_6…

Fu il plancton a contribuire sos…

Il plancton fornì un cont…

Fibromialgia: terapia psicologic…

Un intervento psicologico…

Ecolocalizzazione: potremmo vede…

[caption id="attachment_1…

Journal of Clinical Oncology: l’…

La pubblicazione, su un…

AiDS: un farmaco anti-rigetto st…

Una nuova ricerca pubblic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

AIDS: la scoperta del S. Raffaele per sconfiggere il virus dell’HIV

Un gruppo di ricercatori del San Raffaele di Milano ha identificato un nuovo meccanismo che permetterà di rendere visibili le cellule infettate dall’Hiv – normalmente invisibili e quindi non attaccabili né dal sistema immunitario, né dalla terapia antivirale – e di renderle, quindi, individuabili dalle terapie. Diretto da Maria Vittoria Schiaffino dell’Istituto Scientifico Ospedale San Raffaele e da Guido Poli dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, lo studio è stato pubblicato su Pnas-Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS).
È noto da tempo che in presenza di Dna virale estraneo le cellule dei mammiferi si attivano spegnendo le sequenze esogene al fine di impedirne la diffusione. Un meccanismo protettivo che, però, presenta degli inconvenienti in quanto riduce l’efficacia delle terapie antivirali. In particolare i ricercatori si sono concentrati sul virus Hiv-1, responsabile dell’Aids: dopo essersi inserito nel genoma cellulare dell’ospite il virus viene, in una percentuale dei casi, “spento”, andando a costituire una riserva di cellule infettate invisibili e quindi non attaccabili né dal sistema immunitario, né dalla terapia antivirale. I ricercatori hanno identificato un nuovo meccanismo epigenetico che permetterà di disegnare una possibile strategia per sbloccare questo meccanismo, scoprendo che le cellule riattivano il Dna silenziato quando vengono deprivate di componenti necessari per la loro crescita, come gli aminoacidi essenziali. Un elemento cruciale in questa risposta cellulare è dato, in particolare, dalla disattivazione di un enzima, chiamato “istone deacetilasi 4″ (HDAC4).

Poiché per questo enzima esistono già inibitori specifici, potrebbero essere ulteriormente sviluppati per protocolli sperimentali finalizzati alla cura dell’Hiv. “L’attuale terapia antivirale disponibile contro l’Hiv è assai efficace nel controllare e bloccare la diffusione del virus attivato, ma non riesce a riconoscere ed eliminare le cellule infettate in cui il virus è temporaneamente latente. Quindi non è possibile arrivare a una vera guarigione, perché il virus latente può sempre riattivarsi a seguito della sospensione della terapia, come in effetti avviene nella maggioranza dei pazienti”, spiega Poli, responsabile dell’Unità di Immunopatogenesi dell’Aids. L’utilizzo di inibitori specifici dell’enzima HDAC4 potrebbe, in associazione alla terapia antivirale, riattivare i virus latenti rendendoli visibili e quindi eliminabili, e limitando gli effetti tossici sull’organismo (nello studio del San Raffaele gli inibitori di HDAC4 si sono dimostrati, almeno in vitro, ben tollerati dalle cellule).

 

“La scoperta di un efficiente meccanismo molecolare che regola la riattivazione del Dna estraneo all’interno della cellula ha una potenziale ricaduta importante anche per la terapia genica – spiega Schiaffino – perché l’utilizzo di farmaci che inibiscono l’enzima (o altre strategie utili a inattivarlo) potrebbe evitare che le cellule spengano i vettori virali utilizzati a scopo curativo, aumentandone così l’efficacia a lungo temine”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!