Al Besta messa a punto cura cont…

[caption id="attachment_8…

Italiani sedentari: sovrappeso u…

Sedentari, poco sportivi,…

Cosa fa funzionare i mitocondri

[caption id="attachment_8…

Ricreata in laboratorio l'origin…

[caption id="attachment_6…

Broccoli anti-cancro, ma collabo…

[caption id="attachment_…

Sindrome metabolica: frutta secc…

Le noci e altri tipi di f…

Autismo e schizofrenia condivido…

[caption id="attachment_9…

Il laser di nuova generazione pe…

[caption id="attachment_…

La chiave della 'speciazione' e'…

[caption id="attachment_7…

Disturbo da deficit di attenzion…

È così il vostro bambino?…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Artropatia psoriasica: Celgene, Ok Apremilast

Celgene International Sàrl, una controllata di Celgene Corporation, ha annunciato oggi i risultati principali dello studio Palace-1, il primo di tre studi clinici pivotal di fase III randomizzati, con controllo placebo, volti a valutare il nuovo farmaco dell’azienda, un inibitore orale della fosfodiesterasi 4 (Pde4), in pazienti con artropatia psoriasica precedentemente trattati con un Dmard (Disease-Modifying Antirheumatic Drug, farmaco antireumatico che modifica la malattia) per via orale, con terapia biologica oppure che non avevano risposto a un trattamento con un agente anti-Tnf (fattore di necrosi tumorale).

In questo studio – informa una nota – apremilast è stato somministrato in monoterapia o in combinazione con un Dmard.


In questo studio, nei pazienti trattati con apremilast è stata raggiunta la significatività statistica per l’endpoint primario. I pazienti nel braccio di trattamento con il farmaco attivo hanno inoltre continuato a presentare miglioramenti significativi negli endpoint correlati all’artropatia fino alla settimana 24. Nei pazienti trattati con apremilast sono stati osservati anche miglioramenti significativi e durevoli in diversi parametri della funzione fisica.Il profilo generale di sicurezza si è dimostrato in linea con le precedenti esperienze nel programma di fase II e la tollerabilità è migliorata.

Gli effetti collaterali osservati con frequenza per gli inibitori della Pde4 sono stati di natura gastrointestinale. Lo studio Palace-1 è tuttora in corso e la sua estensione sarà in cieco fino a quando tutti i pazienti avranno completato la settimana 52 di trattamento. I dati completi di questo studio di fase III verranno successivamente presentati in occasione di convegni medici.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x