Leucemia: un nuovo metodo per te…

Messo a punto nuovo metod…

Reni a forma di mela funzionano …

E' noto che le person…

Premio Nobel per la Chimica 2016…

Il riconoscimento ai tre …

'Attenti alle bufale', il nuovo …

[ADUC]'Attenti alle bufal…

I Mondiali di calcio in Brasile:…

Oggi pomeriggio tutti dav…

Cartilagini riparate con l'uso d…

E' possibile rigenerare l…

Disabilità intellettiva: CNR e T…

Chiarito per la prima vol…

Urologi in allarme per l'uso del…

[caption id="attachme…

H1N1: la ricerca verso nuove dir…

Secondo due nuovi stu…

Cellule staminali contro danni c…

Agiscono come un mini 'ki…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Artropatia psoriasica: Celgene, Ok Apremilast

Celgene International Sàrl, una controllata di Celgene Corporation, ha annunciato oggi i risultati principali dello studio Palace-1, il primo di tre studi clinici pivotal di fase III randomizzati, con controllo placebo, volti a valutare il nuovo farmaco dell’azienda, un inibitore orale della fosfodiesterasi 4 (Pde4), in pazienti con artropatia psoriasica precedentemente trattati con un Dmard (Disease-Modifying Antirheumatic Drug, farmaco antireumatico che modifica la malattia) per via orale, con terapia biologica oppure che non avevano risposto a un trattamento con un agente anti-Tnf (fattore di necrosi tumorale).

In questo studio – informa una nota – apremilast è stato somministrato in monoterapia o in combinazione con un Dmard.


In questo studio, nei pazienti trattati con apremilast è stata raggiunta la significatività statistica per l’endpoint primario. I pazienti nel braccio di trattamento con il farmaco attivo hanno inoltre continuato a presentare miglioramenti significativi negli endpoint correlati all’artropatia fino alla settimana 24. Nei pazienti trattati con apremilast sono stati osservati anche miglioramenti significativi e durevoli in diversi parametri della funzione fisica.Il profilo generale di sicurezza si è dimostrato in linea con le precedenti esperienze nel programma di fase II e la tollerabilità è migliorata.

Gli effetti collaterali osservati con frequenza per gli inibitori della Pde4 sono stati di natura gastrointestinale. Lo studio Palace-1 è tuttora in corso e la sua estensione sarà in cieco fino a quando tutti i pazienti avranno completato la settimana 52 di trattamento. I dati completi di questo studio di fase III verranno successivamente presentati in occasione di convegni medici.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi