Dal liquido amniotico prelevare …

[caption id="attachme…

Boehringer Ingelheim ha sottomes…

• La prima sottomiss…

Ftalati in età pediatrica respon…

L'esposizione a sostanze …

Termites' digestive system could…

One of the peskiest h…

Dall'ormone della fame un aiuto …

Scoperta una nuova via me…

Herpes zoster: studi lo consider…

[caption id="attachme…

Glioblastoma: studio del CNR spi…

È un tumore cerebrale che…

Ospedali di qualità a misura di …

Esce oggi il nuovo bando …

L’Italia dice addio alla fenform…

L’allarme, lanciato …

Pillole con estradiolo naturale:…

Contraccezione orale su m…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Artropatia psoriasica: Celgene, Ok Apremilast

Celgene International Sàrl, una controllata di Celgene Corporation, ha annunciato oggi i risultati principali dello studio Palace-1, il primo di tre studi clinici pivotal di fase III randomizzati, con controllo placebo, volti a valutare il nuovo farmaco dell’azienda, un inibitore orale della fosfodiesterasi 4 (Pde4), in pazienti con artropatia psoriasica precedentemente trattati con un Dmard (Disease-Modifying Antirheumatic Drug, farmaco antireumatico che modifica la malattia) per via orale, con terapia biologica oppure che non avevano risposto a un trattamento con un agente anti-Tnf (fattore di necrosi tumorale).

In questo studio – informa una nota – apremilast è stato somministrato in monoterapia o in combinazione con un Dmard.

In questo studio, nei pazienti trattati con apremilast è stata raggiunta la significatività statistica per l’endpoint primario. I pazienti nel braccio di trattamento con il farmaco attivo hanno inoltre continuato a presentare miglioramenti significativi negli endpoint correlati all’artropatia fino alla settimana 24. Nei pazienti trattati con apremilast sono stati osservati anche miglioramenti significativi e durevoli in diversi parametri della funzione fisica.Il profilo generale di sicurezza si è dimostrato in linea con le precedenti esperienze nel programma di fase II e la tollerabilità è migliorata.

Gli effetti collaterali osservati con frequenza per gli inibitori della Pde4 sono stati di natura gastrointestinale. Lo studio Palace-1 è tuttora in corso e la sua estensione sarà in cieco fino a quando tutti i pazienti avranno completato la settimana 52 di trattamento. I dati completi di questo studio di fase III verranno successivamente presentati in occasione di convegni medici.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!