Pinzette acustiche, che manipola…

Un dispositivo delle dime…

Semplificata la produzione dei c…

[caption id="attachment_1…

Sigarette elettroniche: l'ISS le…

La relazione dell'Istitut…

Campagna AIFA su uso consapevole…

La Società Italiana di Pe…

Un virus dietro le cause di un t…

[caption id="attachme…

Osservata 'in vivo' l'interazion…

[caption id="attachment_6…

Farmaco anticolesterolo riduce e…

Il farmaco anti-colester…

Per la prima volta in Basilicata…

ALL’ IRCCS CROB DI RIONER…

Tumore fegato: molecola in grado…

[caption id="attachment_9…

Cancro: il genoma dei pazienti p…

Studiate le risposte a 18…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro: erba tossica in grado di distruggere cellule maligne

Un farmaco sperimentale, derivato da un’erba tossica ma che e’ in grado di attraversare il flusso sanguineo senza fare danni, potrebbe essere utilizzata per uccidere le cellule del cancro. Un nuovo studio della Johns Hopkins Cancer Center negli Usa, pubblicato su Science Translational Medicine, ha scoperto che 30 giorni di trattamento con il farmaco G202 sono stati in grado di ridurre le dimensioni di cellule umane del cancro alla prostata, cresciute all’interno di topi di laboratorio, fino al 50 per cento. “G202 e’ un farmaco derivato dalla Thapsia garganica, una pianta che cresce nella regione del Mediterraneo e che produce la thapsigargina. Sin dall’antica Grecia sono ben note le proprieta’ velenose di questa pianta: le carovane arabe la chiamavano ‘carota della morte’ poiche’ uccideva i cammelli che la mangiavano”, ha spiegato Samuel Denmeade, ricercatore a capo dello studio.


“Il nostro studio ha permesso di riprogrammare le molecole di questo veleno in modo da renderele inoffensive per i tessuti sani. Una volta giunti alle cellule del cancro, la tossicita’ viene riattivata e le cellule dannose vengono uccise”, ha concluso.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x