Se i tagli si applicano meccanic…

Roma, 3 marzo 2015 - E’ s…

l'area del cervello in cui vengo…

[caption id="attachme…

Fratture Vertebrali: meglio la c…

Le nuove evidenze clini…

Malaria: osservata speciale la m…

Gli scienziati hanno osse…

(Con video) Il battito del cuore…

Quando batte, il cuore se…

L'utilizzo eccessivo di antibiot…

[caption id="attachme…

[Cordis] Salvare vite, un organo…

[caption id="attachment_8…

Farmaci: Farmindustria, norma su…

La Giunta di Farmindustr…

Risparmio nel medio –- lungo ter…

RISPARMIO NEL MEDIO – LUN…

Tumori: "No" secco dei chirurghi…

Il secco no alla chirur…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro: erba tossica in grado di distruggere cellule maligne

Un farmaco sperimentale, derivato da un’erba tossica ma che e’ in grado di attraversare il flusso sanguineo senza fare danni, potrebbe essere utilizzata per uccidere le cellule del cancro. Un nuovo studio della Johns Hopkins Cancer Center negli Usa, pubblicato su Science Translational Medicine, ha scoperto che 30 giorni di trattamento con il farmaco G202 sono stati in grado di ridurre le dimensioni di cellule umane del cancro alla prostata, cresciute all’interno di topi di laboratorio, fino al 50 per cento. “G202 e’ un farmaco derivato dalla Thapsia garganica, una pianta che cresce nella regione del Mediterraneo e che produce la thapsigargina. Sin dall’antica Grecia sono ben note le proprieta’ velenose di questa pianta: le carovane arabe la chiamavano ‘carota della morte’ poiche’ uccideva i cammelli che la mangiavano”, ha spiegato Samuel Denmeade, ricercatore a capo dello studio.


“Il nostro studio ha permesso di riprogrammare le molecole di questo veleno in modo da renderele inoffensive per i tessuti sani. Una volta giunti alle cellule del cancro, la tossicita’ viene riattivata e le cellule dannose vengono uccise”, ha concluso.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi