Dengue: zanzare modificate per c…

Scienziati australiani ha…

Polmonite: l'uomo più a rischio …

Basta prendere in giro gl…

La proteina a guardia dell'integ…

Una nuova ricerca ha chia…

Febbre tifoidea: ottimi risultat…

Sono positivi i risultati…

Quale influenza hanno avuto le i…

Centomila anni fa la popo…

IL RUOLO DELLA AUTOIMMUNITÀ TIRO…

Kris Poppe*, Brigitte V…

CCSVI: nasce l’Associazione Nazi…

VENERDI’ 9 APRILE 2010: L…

Scoperta la molecola della buona…

La voglia di fare, la mot…

Cellule staminali ringiovanite p…

[caption id="attachme…

Ipertensione: se il sonno è dis…

Un anziano che soffre di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro: erba tossica in grado di distruggere cellule maligne

Un farmaco sperimentale, derivato da un’erba tossica ma che e’ in grado di attraversare il flusso sanguineo senza fare danni, potrebbe essere utilizzata per uccidere le cellule del cancro. Un nuovo studio della Johns Hopkins Cancer Center negli Usa, pubblicato su Science Translational Medicine, ha scoperto che 30 giorni di trattamento con il farmaco G202 sono stati in grado di ridurre le dimensioni di cellule umane del cancro alla prostata, cresciute all’interno di topi di laboratorio, fino al 50 per cento. “G202 e’ un farmaco derivato dalla Thapsia garganica, una pianta che cresce nella regione del Mediterraneo e che produce la thapsigargina. Sin dall’antica Grecia sono ben note le proprieta’ velenose di questa pianta: le carovane arabe la chiamavano ‘carota della morte’ poiche’ uccideva i cammelli che la mangiavano”, ha spiegato Samuel Denmeade, ricercatore a capo dello studio.


“Il nostro studio ha permesso di riprogrammare le molecole di questo veleno in modo da renderele inoffensive per i tessuti sani. Una volta giunti alle cellule del cancro, la tossicita’ viene riattivata e le cellule dannose vengono uccise”, ha concluso.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!