Una proteina nel latte materno s…

L’attività di una protein…

Vendita di farmaci etici on line…

Il Senatore del PDL Andre…

Carcinoma epatico fibrolamellare…

Un passo in avanti verso …

Diabete: scoperti altri 10 nuovi…

Dieci nuove aree del Dna …

Tumori e reflusso gastrico: casi…

L'obesita' potrebbe esser…

INAUGURATO CENTRO STUDI DI NEURO…

[caption id="attachme…

Dialisi: per allungare i tempi t…

Meno fosforo, latte,…

Periodontite: buone nuove per mi…

Dodici milioni di tedesch…

Tumori: proteina aiuta cellule m…

[caption id="attachment_8…

L'Alzheimer, si "tramanda" da ne…

Le proteine 'tossiche' al…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule staminali ripara-ferite: successo d’impiego al Molinette di Torino

Sperimentate con successo all’ospedale Molinette di Torino le cellule staminali nel processo di guarigione delle ferite. In uno studio condotto da un gruppo multidisciplinare torinese degli ospedali Molinette e Mauriziano le cellule staminali del midollo osseo sono state, infatti, mobilizzate “per agevolare la guarigione di estese asportazioni di tessuto dovute alla presenza di cisti sacro-coccige, complicate da numerosi tragitti fistolosi, e recidive di precedenti interventi”. I risultati ottenuti, pubblicati dalla rivista internazionale ‘Cytotherapy’, hanno mostrato “un accorciamento sensibile dei periodi di guarigione rispetto ai pazienti non sottoposti a stimolazione midollare delle proprie cellule staminali”. I ricercatori sottolineano, inoltre, come nello studio, approvato dal comitato etico dell’ospedale Molinette, non si siano verificati effetti collaterali negativi e come la metodica risulti fattibile e sicura.
Fino a ora le applicazioni cliniche per quanto riguarda le staminali, si rileva, sono state scarse e circoscritte all’impiego in particolari casi di malattie del sangue. La collaborazione tra due gruppi universitari della Scuola di Medicina dell’Universita’ di Torino, uno chirurgico condotto dal professor Carlomaria Fronticelli (Oncologia chirurgica dell’ospedale Molinette di Torino), e l’altro dal professor Corrado Tarella (direttore dell’Ematologia e Terapie Cellulari dell’ospedale Mauriziano), ha consentito di trasferire queste ricerche nella pratica clinica.


“Il processo – si sottolinea dall’ospedale torinese – in se’ e’ semplice: si tratta di stimolare particolari cellule presenti nel midollo osseo di ciascuno, facenti parte della grande famiglia delle cellule staminali, ad accorrere la’ dove si sta verificando un processo di guarigione. Se il processo di guarigione e’ molto ampio questo richiedera’ grande sforzo da parte dell’organismo e soprattutto tempi lunghi per la sua riparazione. La stimolazione avviene attraverso la somministrazione di fattori di crescita, gia’ ampiamente studiati nella patologia umana, che attivano e mobilizzano le cellule staminali del proprio midollo osseo che accorrono in massa nella sede del processo di guarigione”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!