Legame 'chimico' tra padre e fig…

[caption id="attachme…

Tumori: molecola identifica cell…

La chemioterapia e' piu' …

Evoluzione: precursori dei musco…

Le origini evoluzionistic…

Dall'Austria la pillola che cura…

[caption id="attachment_5…

Alzheimer: variante genetica che…

Alcune variazioni in un g…

Neuroscienze: perdita della memo…

La perdita di memoria…

La carenza di iodio nella dieta …

Uno studio dell’Osservato…

Dolore cronico: siglata una nuov…

I rappresentanti dell’ass…

Ipertensione: lì dove non arriva…

Impiantata nella gamba, è…

IV Giornata Mondiale per la puli…

La Società Italiana di …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Stress e depressione rimpiccioliscono la massa cerebrale

Stress e depressione fanno rimpicciolire il cervello. Lo hanno scoperto i ricercatori della Yale University che dedicano all’argomento uno studio pubblicato su Nature Medicine: una complicata interazione tra geni e proteine potrebbe, infatti, essere causa di una riduzione del volume della materia grigia. Una perdita, che seppure modesta, sarebbe localizzata nella corteccia prefrontale e, quindi, capace di influenzare la “tenuta” dei ricordi e la percezione delle emozioni.

Sotto “stress” ci andrebbero, infatti, anche alcuni geni direttamente coinvolti nella gestione delle sinapsi, le connessioni tra neuroni, che quindi diminuirebbero. I ricercatori hanno anche notato la presenta di GATA1, un fattore di trascrizione in grado di inibire il funzionamento di questi geni.


“Abbiamo scoperto che effettivamente alcuni geni – commentano gli autori della scoperta – sono coinvolti nella perdita di volume della corteccia stressata perché ne comandano la distruzione”. A questo complesso meccanismo sarebbe associata una compressione del cervello, con effetti a catena sulla gestione della memoria e delle emozioni.

La scoperta di GATA1 potrà avere un ruolo importante nel futuro: “Potremo diagnosticare una depressione a partire dalla presenza di questo fattore”, spiega Ronal Duman, permettendo, così, di svelare anche quelle forme nascoste del “male oscuro” e mettendo in atto delle terapie in grado di salvaguardare capacità cerebrali e grandezza del cervello.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi