Dabigatran etexilato: rimborsabi…

• L’ Anticoagulante Ora…

Sedano e prezzemolo possono arre…

Una sostanza contenuta ne…

Resveratrolo e vino rosso: buono…

Il resveratrolo, la sosta…

Arriva il vaccino anti-fumo

Liberarsi del vizio del f…

Farmaci: una tecnica che trasfor…

Grazie a una nuova tecnic…

Nelle staminali del tessuto adip…

Una riserva di giovinezza…

Rigenerazione dei tessuti da cel…

Nuove ricerche della In…

Vitamina D3, cistatina e tumori …

[caption id="attachment_1…

L'occhio della donna ha le pupil…

Un nuovo studio dell'Univ…

Il paziente chiede informazioni …

Roma, 14 novembre 2014. “…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Disordine bipolare: il litio sostanza d’aiuto per curarlo

Il litio e’ una sostanza molto utile per curare il disordine bipolare, ma non tutti ripondono allo stesso modo, soprattutto a livello molecolare. A scoprirlo e’ uno studio della Yale University School of Medicine pubblicato sulla rivista Biology of Mood & Anxiety Disorders. Gli scienziati hanno scoperto che, a livello dell’attivazione di alcuni geni, il litio da’ luogo a reazioni differenti, soprattutto per quanto riguarda l’attivazione o la repressione di geni che alterano i meccanismi di apoptosi, la morte cellulare programmata.


Gli scienziati hanno misurato i cambiamenti dell’attivita’ del gene BCL2, importante per valutare gli effetti terapeutici del litio, nel sangue di 20 pazienti depressi con disturbo bipolare prime e dopo il trattamento con carbonato di litio. Dopo otto settimane di terapie, c’erano ben nette differenze di attivazione del gene fra i pazienti che avevano avuto una reazione positiva al trattamento (misurata mediante la Hamilton Depression Rating Scale) e quelli che non avevano risposto positivamente. Inoltre, gli scienziati hanno scoperto anche altri geni coinvolti in questa diversa suscettibilita’. ”Abbiamo trovato 127 geni che manifestavano differenti modalita’ di attivazione nei vari pazienti. Nella maggior parte, questi processi influivano poi sull’apoptosi cellulare”, ha spiegato Robert Beech, che ha condotto lo studio

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!