L'UE si prepara ad un progetto d…

È stato lanciato di recen…

Epilessia: i consigli della LICE…

Roma, 18 dicembre 201…

Pressione del polso alta indica …

Le persone di mezza eta' …

Sequenziando il genoma delle alg…

[caption id="attachment_7…

Distrofia miotonica: neutralizza…

[caption id="attachment_1…

Combattere il cancro riprogramma…

Il sistema di editing gen…

Traumi: possono essere ereditati…

Gli effetti psicologici d…

Scoperte le basi genetiche dei d…

Pubblicato sul Cerebral…

Fecondazione: la ricerca evidenz…

Scoperta una proteina ch…

Legge 40/2004 A 10 anni quale si…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

mammografia: sono più le vite salvate dai tumori killer dei rischi di sovradiagnosi

Per ogni donna che dopo una mammografia riceve trattamenti inutili contro un cancro al seno che non si svilupperà mai, due donne vengono salvate da un tumore killer. In altre parole, i benefici degli screening mammografici sono doppi rispetto ai rischi di sovradiagnosi. Una maxi revisione europea pubblicata sul ‘Journal of Medical Screening’, che ha preso in esame i dati relativi a milioni di donne, sembra mettere la parola fine al dibattito acceso da alcuni studi che contestano l’effettiva utilità di offrire screening periodici alle donne over 50, come accade in molti Paesi del mondo tra cui l’Italia.

Le principali critiche ai test mammografici ‘di massa’ portano la firma di Peter Gotzsche, direttore della Nordic Cochrane Collaboration di Copenhagen, braccio danese dell’iniziativa internazionale no profit che si propone di valutare criticamente la reale efficacia degli interventi sanitari. Dopo numerose e discusse ricerche sul tema, all’inizio di quest’anno l’esperto ha riacceso le polemiche con il libro ‘Screening mammografici: verità, bugie e controversie’. Nel volume spiega che, su 2 mila donne sottoposte a mammografia, probabilmente solo una viene salvata, mente altre 10 subiscono un danno. La nuova revisione, invece, gli dà torto e rassicura le donne: “Per ogni mille che vengono controllate ogni 2 anni, dai 50 anni di età ai 68-69 – concludono gli autori – vengono salvate da 7 a 9 vite, contro 4 casi di sovradiagnosi”. Le donne salvate, dunque, sarebbero il doppio rispetto a quelle sottoposte a trattamenti evitabili per noduli benigni.
“I risultati di questo studio, l’unico che analizza tutti i dati disponibili dei servizi di screening forniti in Europa, conferma i benefici che ci aspettavamo dalle ricerche condotte anni fa”, assicura Stephen Duffy della Queen Mary University di Londra, l’ateneo che ha coordinato l’indagine. Nel realizzarla ha avuto un ruolo di primo piano anche l’italiano Eugenio Paci, direttore dell’Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica di Firenze: “Con questa analisi che ha ‘pesato’ i pro e i contro dei programmi di screening per la prevenzione del cancro – afferma – ci auguriamo di garantire alle donne la possibilità di compiere una scelta informata e consapevole”.
AdnKronos

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi