Al via la seconda edizione del p…

Roma, 6 maggio 2013 – In …

Percorsi di cura oltre la malatt…

Controlli clinici e perco…

Cannabis: assunta in età adolesc…

La dipendenza da marijuan…

Il biosimilare è la chiave per c…

Roma, 13 aprile 2015 - “N…

Allarme depressione: riguarda un…

[caption id="attachment_9…

Progetto 'Blue Brain': il 2030 s…

[caption id="attachment_7…

Lo schema di movimento dagli ani…

Nella ricerca di cibo, i …

ADUC: USA stanzia 4,5 mld per un…

NeoStem, con base nel New…

Diabete di tipo 2, altra risorsa…

Accanto all'insulina, pot…

Come si adatta il cervello allo …

Come si adatta il cervell…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Muscoli ringiovaniti con cellule staminali: studio britannico

E’ possibile, almeno nei topi, far ringiovanire i muscoli che invece con il passare dell’eta’ perdono sempre piu’ tono e volume. Lo ha scoperto uno studio del King’s College di Londra e della Harvard University pubblicato dalla rivista Nature, che ha identificato il meccanismo alla base dell’invecchiamento.
La ricerca ha esaminato le cellule staminali sempre presenti all’interno del muscolo, che servono a riparare eventuali lesioni e a generare nuovo tessuto.


Alla fine dei processi in cui sono impiegate, spiegano gli autori, una parte delle staminali va a ‘rimpinguare’ la riserva. Nei topi anziani pero’ il numero di cellule staminali ‘in sonno’ si riduce, il che spiega il declino nella capacita’ dei muscoli di ripararsi e rigenerarsi. All’interno delle fibre anziane i ricercatori hanno trovato alti livelli di Fgf2, una proteina che ha l’abilita’ di stimolare le cellule, anche staminali, a dividersi: “Con l’invecchiamento sembra che la proteina induca le staminali ad attivarsi anche quando non serve – spiegano gli autori – e questa continua attivazione ‘svuota’ la riserva”.
Sulla base di questo risultato e’ stato possibile trattare i topi anziani con un inibitore della proteina, evitando l’indebolimento muscolare: “Trasferire il trattamento all’uomo richiedera’ ancora tempo – spiega Albert Basson del King’s College – ma lo studio per la prima volta ha rivelato un possibile meccanismo per il processo”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

[…] settembre 2012 / Leggi tutto » Like this:Mi piaceBe the first to like […]

Archivi

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x