il DNA: le funzioni che hanno, f…

Alcuni meccanismi di prot…

IN DIRETTA LA CURA LASER PER LA …

Professor Giovanni Ferr…

Celiachia nel bambino: conoscerl…

Milano, 15 settembre 2014…

Malattie autoinfiammatorie rare …

[caption id="attachment_1…

Sclerosi multipla: prima volta s…

La ricerca italiana segna…

Pallacanestro Varese: ora anche …

Già da febbraio Pallacane…

Rivaroxaban ottiene la rimborsab…

Milano, 29 Agosto 2014 – …

ADHD: la necessità di percorsi d…

Dal modello adottato dall…

Uno studio rivela che l'aria è p…

[caption id="attachment_1…

Diabete 1, in arrivo una cura d…

Novità incoraggianti da…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Olio di cocco per contrastare la carie: sarà un addio ai dentifrici alla menta?

Addio al vecchio dentifricio alla menta. La novità nella lotta alla carie arriva dall’olio di cocco, secondo una ricerca dell’Athlone Institute of Technology (Irlanda) presentata al congresso autunnale della Society for General Microbiology all’University of Warwick (Regno Unito). Gli scienziati hanno scoperto le proprietà anticarie dell’olio di cocco trattato con enzimi digestivi.
Questo ‘mix’, che potrà diventare l’ingrediente di dentifrici e colluttori, diventa così un potente killer dei batteri che si annidano nel cavo orale. Incluso lo Streptococcus mutans, uno dei principali microrganismi coinvolti nel metabolismo del saccarosio e tra le cause della formazione della carie. Un problema che, secondo i ricercatori, nei Paesi industrializzati colpisce il 60-90% dei bambini e la maggior parte degli adulti.

“L’integrazione nei prodotti per l’igiene dentale di enzimi modificati con olio di cocco – afferma Damien Brady, autore dello studio – potrebbe essere una valida alternativa agli additivi chimici usati oggi per la pulizia dei denti. In particolare perché l’olio di cocco funziona anche a concentrazioni relativamente basse. Inoltre – conclude – con l’aumento della resistenza agli antibiotici è importante che la ricerca in questo settore sviluppi nuove strategie per combattere le infezioni microbiche del cavo orale”.(ADNKronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: