Cellule staminali per traumi e l…

Nuove protesi personalizz…

Dal direttore dell’AIFA parole i…

“Non si può che concordar…

Esposizione a ormoni androgeni e…

[caption id="attachment_1…

La risposta sessuale umana agli …

Un numero crescente di da…

Autismo: al via il progetto pedi…

Prende il via, a Vicenza,…

Nelle staminali del tessuto adip…

Una riserva di giovinezza…

"La Salute non conosce confini"

Campagna d’Informazione e…

Sanita': 'Save the Skin', asta o…

Si chiama "Save the Skin"…

Tumore al polmone: la Global Lun…

‘Lung Cancer: We’r…

Lesioni del midollo: cellule sta…

I neuroni ottenuti da sta…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sindrome da stanchezza cronica: la causa virale non è trasmessa dai topi

La sindrome da stanchezza cronica, una malattia che da tempo ha lasciato gli scienziati perplessi e dubbiosi sulle sue cause, non è provocata da un virus trasmesso dai topi, secondo uno studio finanziato dal governo americano per porre fine alla lunga controversia sulla questione. Lo studio, pubblicato online sulla rivista scientifica ‘mBio’, è stato guidato da Ian Lipkin della Columbia University, che ha riunito un team di scienziati di diverse istituzioni molti dei quali, in passato, avevano pubblicato ricerche contrastanti sul tema.
La squadra di esperti assicura di non aver rilevato tracce genetiche di virus del topo nel sangue di 147 pazienti cronici con sindrome di affaticamento, messo a confronto con quello di 146 persone sane, e di non essere quindi in grado di collegare il microrganismo al disturbo.


I virus sono diventati i principali ‘sospettati’ come elementi scatenanti la malattia – che affligge più di un milione di persone negli Stati Uniti ed è caratterizzata da stanchezza estrema che non migliora con il riposo – nel 2009, quando la rivista ‘Science’ ha pubblicato uno studio del Whittemore Peterson Institute di Reno in cui erano state rilevate tracce di Xmlv, un retrovirus del topo, nel sangue dei malati. Un secondo lavoro, firmato dal National Institutes of Health, aveva accusato un altro virus, il pMLV. Ma le ricerche successive non riuscirono a confermare questi risultati. Gli stessi esperti che avevano lavorato sulla questione, come Harvey Alter e Judy Mikovits, hanno collaborato al nuovo studio che pare ‘scagionare’ questi virus.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x