La Società Italiana di Neurologi…

Roma, 26 novembre 2014 – …

Supervirus H5N1 creato in labora…

Due esperimenti in Olanda…

Sindrome delle gambe senza ripos…

Un team internazionale di…

Insufficienza cardiaca: la stimo…

La stimolazione dei nervi…

Cellule staminali contro la Scle…

La sclerosi laterale …

Malattie ematologiche: il trapia…

Ci sono persone affette d…

Tumori neuroendocrini: terapie m…

Sono poco conosciuti ma c…

Legame tra autismo e anticorpi m…

Un gruppo di ricercator…

Parkinson: individuati nuovi mar…

[caption id="attachment_9…

Farmaco contro la leucemia ralle…

Un farmaco comunemente us…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sindrome da stanchezza cronica: la causa virale non è trasmessa dai topi

La sindrome da stanchezza cronica, una malattia che da tempo ha lasciato gli scienziati perplessi e dubbiosi sulle sue cause, non è provocata da un virus trasmesso dai topi, secondo uno studio finanziato dal governo americano per porre fine alla lunga controversia sulla questione. Lo studio, pubblicato online sulla rivista scientifica ‘mBio’, è stato guidato da Ian Lipkin della Columbia University, che ha riunito un team di scienziati di diverse istituzioni molti dei quali, in passato, avevano pubblicato ricerche contrastanti sul tema.
La squadra di esperti assicura di non aver rilevato tracce genetiche di virus del topo nel sangue di 147 pazienti cronici con sindrome di affaticamento, messo a confronto con quello di 146 persone sane, e di non essere quindi in grado di collegare il microrganismo al disturbo.


I virus sono diventati i principali ‘sospettati’ come elementi scatenanti la malattia – che affligge più di un milione di persone negli Stati Uniti ed è caratterizzata da stanchezza estrema che non migliora con il riposo – nel 2009, quando la rivista ‘Science’ ha pubblicato uno studio del Whittemore Peterson Institute di Reno in cui erano state rilevate tracce di Xmlv, un retrovirus del topo, nel sangue dei malati. Un secondo lavoro, firmato dal National Institutes of Health, aveva accusato un altro virus, il pMLV. Ma le ricerche successive non riuscirono a confermare questi risultati. Gli stessi esperti che avevano lavorato sulla questione, come Harvey Alter e Judy Mikovits, hanno collaborato al nuovo studio che pare ‘scagionare’ questi virus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: