Riconoscere il dolore al petto, …

[caption id="attachment_8…

Papillomavirus Umano (HPV): anco…

A 20 anni si riscontra la…

Batterio della peste bubbonica d…

L'analisi dei ricercatori…

Psoriasi non solo come malattia …

La psoriasi, malattia der…

HIV: scoperto il meccanismo che …

[caption id="attachment_7…

Mylanservizi.it: la piattaforma …

Ottimizzazione del temp…

Una nuova teoria che smentisce i…

[caption id="attachment_5…

In Sanità occorre rivedere i tag…

La ricognizione della sit…

Termalismo: a Monfalcone gocce d…

Le rinnovate Terme Roma…

Melatonina per la fibromialgia: …

Alcuni dati suggerisc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Test del sangue per individuare letali depositi di calcio

Un nuovo test è in grado di individuare i depositi di Calcio nei tessuti e vasi sanguigni che possono essere rischio di calcificazione: una condizione che può essere letale
I depositi di Calcio nei tessuti e vasi sanguigni possono essere molto pericolosi. Uno dei più comuni sviluppi è una malattia, o insufficienza renale cronica. Questa condizione sarebbe causa della cosiddetta calcificazione cardiovascolare, condizione che sta dietro alle malattie cardiache che spesso portano alla morte.
Laddove si presentino anomali e alti livelli di Calcio nel sangue, in genere vi è una compromessa funzione renale, o anche il risultato di cure farmacologiche.

Il problema principale è che, allo stato attuale, non esistono strumenti per determinare il rischio di calcificazione cardiovascolare. Le persone che potrebbero presentare questa condizione spesso non ne sono a conoscenza, e ci si accorge di tutto ciò quando si verifica un evento cardiovascolare. Da qui l’importanza di sviluppare strumenti diagnostici per prevenire e trattare questa pericolosa condizione. Questo è stato appunto il tema di uno studio pubblicato sul Journal of the American Society of Nephrology.

I ricercatori svizzeri dell’Ospedale Universitario Inselspital e l’Università di Berna, coordinati dal dottor Andreas Pasch, hanno così sviluppato un pioneristico test che, partendo dall’analisi del sangue di un modello animale e di pazienti con insufficienza renale cronica (CKD), ha permesso di scoprire che entrambi presentavano un deficit di una proteina che inibisce la calcificazione del sangue. Da questi risultati si è pertanto dedotto che i pazienti affetti da CKD presentano una ridotta capacità di limitare la calcificazione, al contrario ci ciò che avviene nei pazienti sani.

«Il nostro test – spiega Pasch nel comunicato UB – può identificare i pazienti a rischio per lo sviluppo di calcificazione, e può diventare uno strumento importante per identificare e testare gli inibitori della calcificazione, costituendo la base per il monitoraggio del trattamento in pazienti che ricevevano tali inibitori».
(La Stampa.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: