Prostata: per prevenzione e inut…

[caption id="attachment_9…

Vitamina D: non solo dal sole, m…

Un nuovo studio mostra co…

Papilloma virus, virus che attac…

Una ricerca dell'Azienda …

Infertilità maschile, quando la …

Le infezioni batteriche s…

Due nuovi geni implicati nella s…

[caption id="attachment_5…

Neuroblastoma: un comune farmaco…

[caption id="attachment_9…

Digossina e decessi: uno strano …

La digossina, farmaco com…

Sindrome di down: colina in grav…

Nel caso di feti e bambin…

Diabete: il percorso tecnologico…

In un incontro stampa org…

Ipertensione polmonare: dalla Lo…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro del seno: in un futuro prossimo basterà una semplice analisi del sangue

Ottobre è il mese di consapevolezza del cancro al seno e gli scienziati dell’Università di Leicester e dell’Imperial College di Londra, nel Regno Unito, hanno annunciato che un giorno per individuare il cancro al seno potrebbe bastare un semplice esame del sangue.

In tutto il mondo ogni anni vengono diagnosticati più di un milione di casi di cancro al seno. Nell’Unione europea ogni due minuti e mezzo una donna viene diagnosticata di cancro al seno e ogni sette minuti e mezzo una donna muore a causa della malattia. Dal 1980, i tassi di sopravvivenza al cancro al seno sono tuttavia aumentati. Questo è in parte dovuto alla rilevazione precoce dovuta a una maggiore consapevolezza e allo screening del seno, nonché a un migliore accesso al trattamento dopo la chirurgia.

Attualmente esistono vari metodi di test per scoprire il cancro al seno: l’esame del seno in cui il medico verifica la presenza di noduli o anomalie, la mammografia (impiegando raggi X per esaminare il seno), l’ecografia del seno, la biopsia e, infine, la risonanza magnetica del seno che utilizza una macchina MRI. Questi metodi, tuttavia, possono essere scomodi o dolorosi, e possono scoraggiare le donne ad avere altri test successivamente.

I ricercatori sperano che questi test possano essere sostituiti da un esame del sangue, che potrebbe essere un modo più preciso per verificare i primi segni di cancro al seno rispetto all’utilizzo di mammografie per individuare un nodulo. Quest’analisi del sangue dovrebbe permettere di determinare se il DNA nel sangue mostra i primi segni di tumore. Il test potrebbe anche potenzialmente migliorare la terapia, rilevando se le pazienti con cancro al seno hanno probabilità di ricaduta e a quali farmaci il loro particolare tipo di tumore risponde meglio.

“Questa ricerca stimolante significa che potremmo un giorno disporre di un esame del sangue in grado di rilevare i segni precoci di cancro e che le donne potrebbero fare ogni anno un test del sangue piuttosto che lo screening del seno. Ciò eliminerebbe qualsiasi preoccupazione e ansia per le donne che sono chiamate per ulteriori accertamenti dopo una mammografia, solo per scoprire che non hanno il cancro”, ha detto la dott.ssa Jacqui Shaw, ricercatrice principale presso l’Università di Leicester.

“Allo stato attuale, non siamo in grado di monitorare i pazienti con cancro al seno dopo che hanno subito un intervento chirurgico e sono stati sottoposti a trattamento, che è come curare il diabete ma non misurare i livelli di zucchero nel sangue. Il nuovo esame del sangue potrebbe cambiare la situazione”, ha aggiunto.

I ricercatori intendono effettuare uno studio clinico presso la clinica più grande del Regno Unito per lo screening del seno, presso il Charing Cross Hospital di Londra. Preleveranno campioni di sangue dalle donne che frequentano la clinica di screening mammografico, e confronteranno il DNA di quelle con diagnosi di tumore al seno con il DNA di donne sane, per vedere quali marcatori sono correlati.

Il professor Charles Coombes, co-ricercatore ed esperto di cancro al seno del Cancer Research UK presso l’Imperial College, ha parlato dell’importanza del loro studio. “Questo tipo di scienza traslazionale è estremamente promettente e la comunità scientifica internazionale sta collaborando per il suo sviluppo. Quando una donna ha il cancro al seno, si può capire dal DNA nel sangue. Ma quello che stiamo cercando di scoprire nel nostro studio è quanto precocemente sono rilevabili i segni di cancro al seno in un esame del sangue. Quindi, cercando nei campioni di sangue delle donne in cui è già stato diagnosticato il cancro al seno attraverso lo screening, possiamo vedere se il tumore è anche già evidente nel loro sangue,” ha detto.

Ha poi aggiunto che le loro scoperte potrebbero essere applicate ai test per la diagnosi di altri tipi di cancro. “Il nostro team di ricerca sta solo guardando al cancro al seno, ma ci sono una serie di altri progetti che indagano su come usare un esame del sangue per rilevare altri tumori, come quello del colon e del polmone.”

La ricerca è stata finanziata dal Cancer Research UK, in collaborazione con l’Università di Leicester e dell’Imperial College di Londra. Kate Law, direttrice di ricerca clinica presso il Cancer Research UK, è ottimista circa le grandi potenzialità della loro ricerca: “Speriamo davvero che in un futuro non troppo lontano, un semplice esame del sangue per il cancro al seno, che potrebbe non solo rilevare il cancro ma anche aiutare nella scelta dei trattamenti da seguire, possa diventare uno standard del servizio sanitario nazionale (NHS).”

“Cancer Research UK ha investito oltre un milione di sterline in questo progetto, in quanto questo affascinante campo scientifico potrebbe rivelarsi un enorme passo avanti nel modo in cui vengono diagnosticati e trattati alcuni tipi di tumore”, ha concluso.

Per maggiori informazioni, visitare:
Università di Leicester
http://www.le.ac.uk/

Cancer Research UK
http://www.cancerresearchuk.org/home/

1 comment

  1. Pingback: Cancro del seno: in un futuro prossimo basterà una semplice analisi del sangue. | Quaderni socialisti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: