Progetto Athena scopre il segret…

Ricercatori del progetto …

Ingegneria dei tessuti: vene bio…

Scienziati americani hann…

Endometriosi: fino al 10% posson…

L'endometriosi è una pato…

I dati relativi all’impiego, in …

Milano, 29 ottobre 2013 –…

Farmaci tiroide: raccomandazioni…

'Fino a quando non sarann…

PSA e tumore alla prostata: occh…

Ogni anno in Italia si re…

Un disordine dell'orecchio potre…

Disordini dell'orecchio i…

Cattivo umore: non è sempre nega…

Essere scontrosi e di cat…

Neuroni: scoperto il meccanismo …

E' possibile produrre piu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

“Comunicare l’infertilità”- La Medicina e il Web: è la rete il nuovo punto di riferimento dei pazienti?

La Medicina e il Web: è la rete il nuovo punto di riferimento dei pazienti?

Gravidanza il termine più ricercato in rete nel 2012

Ginecologia e ostetricia le specialità più cliccate con circa 52 milioni di visite nel 2012

 

Firenze 5 Ottobre 2012 – Presentati a Firenze, nel corso dell’evento promosso dal Centro di Procreazione assistita Demetra di Firenze, dal titolo “ Comunicare l’infertilità”, i dati emersi da una recente indagine condotta  dagli esperti della Medicitalia.it.

Degli oltre 30 milioni di italiani connessi in Internet , il 35% richiede un consulto on line per avere una risposta immediata al proprio problema e quasi il 40% per avere un consulto in più rispetto al proprio medico curante.

Dopo aver letto la risposta al proprio consulto, il 31% dei pazienti ha seguito i consigli forniti ed un buon 26% ha dichiarato di essersi sentito tranquillizzato dal supporto ricevuto. A testimonianza della fiducia diffusa tra gli utenti, solo il 2% degli intervistati ha dichiarato di considerare pericoloso rivolgersi ad Internet per avere un consulto in ambito medico sanitario, laddove un 36% degli intervistati ritiene Internet una fonte di conoscenza alternativa al proprio medico.

“Non sono cambiati i punti di riferimento in medicina – ha dichiarato Lorenzo Cecchini, fondatore e CEO di Medicitalia.it , bensì il modo di fare informazione e di comunicare”.  I nuovi media hanno da sempre affiancato i precedenti, ma soprattutto in medicina le necessità dell’utenza hanno decretato il successo di Internet, molto più flessibile e reattivo nel soddisfarle”.

Per riappropriarsi della comunicazione medico scientifica è quindi necessario – ha concluso  Lorenzo Cecchini che i medici siano gli attori principali di questa evoluzione, bypassando gli intermediari che puntano all’audience piuttosto che alla specificità dei contenuti”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!