Ricerca italiana su sclerosi mul…

Il trattamento con cellul…

Come l'olio extravergine aiuta a…

[caption id="attachme…

Le sigarette veicolano ceppi bat…

Le sigarette sono "ampiam…

I benefici dell'uva ai reni

L'uva potrebbe essere un'…

Cancro al pancreas: specifici ba…

I pazienti con cancro al …

Medtronic è tra le aziende più i…

Milano, 24 febbraio 2017 …

Scompensi cardiaci: entro il 202…

Entro il 2020 il numero d…

Acne, alto indice glicemico e di…

L'indice glicemico (IG) r…

L’uso degli equivalenti è un fat…

 Nell’ambito del tavolo s…

Le proteine del capside virale: …

Tumori: più che dai v…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

MIT mette a punto un cerotto che non provocherà più dolori rimuovendolo

Niente più lacrime quando si deve togliere un cerotto. È questa la promessa dei ricercatori del Massachussets Institute of Technology (MIT) di Cambridge (Stati Uniti), che hanno messo a punto un nuovo cerotto chirurgico che può essere rimosso senza provocare dolore. Secondo quanto riportato sulle pagine della rivista Proceedings of The National Academy of Sciences (Pnas), il cerotto è stato pensato per i bambini nati prematuri che, spesso, devono essere collegati a macchinari o apparecchiature utilizzando nastri adesivi che possono danneggiare la loro pelle estremamente delicata. Tuttavia, anche gli adulti, soprattutto chi ha una pelle assottigliata dall’invecchiamento, potranno trarne beneficio.

Caratteristica fondamentale di questo cerotto è l’essere formato da tre strati. Alle due parti tradizionali – quella adesiva e quella superficiale di carta o plastica – i ricercatori del MIT ne hanno aggiunta una terza, formata da derivati di uno zucchero naturale, il chitosano, che permette al cerotto di aderire perfettamente alla pelle anche se lo strato più esterno dovesse staccarsi. Questa caratteristica elimina il difetto principale degli altri cerotti indolore, che spesso si staccano prima del dovuto.

Per rimuovere il cerotto è necessario eliminare anche lo strato intermedio.L’adesivo che rimane sulla pelle può, a questo punto, essere rimosso con le dita. “Abbiamo notato che strati spessi e sottili di adesivo sono più semplici da rimuovere rispetto alle macchie spesse di adesivo residuo lasciate dai tradizionali cerotti medicali” spiegano i ricercatori. In alternativa è anche possibile aspettare che l’adesivo si stacchi da solo dall’epidermide. Il tutto rigorosamente senza dolore.

Agli scienziati non resta che dare il via alle prime prove di utilizzo negli ospedali dei cerotti, fino ad oggi testati sui topi. Il loro arrivo sul mercato è previsto entro di 1 o 2 anni.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!