Alla casa di cura Quarenghi di S…

  In media, la terapia r…

Sinusite: ripristinando la flora…

La sinusite potrebbe esse…

Gel a DNA che simula i muscoli

Alcuni ricercatori americ…

Una proteina chiave nel ruolo di…

[caption id="attachment_6…

Medicina rigenerativa: riparare …

Una sorta di 'macchina de…

Tumori: Trastuzumab conferma eff…

In 2000 donne lombar…

Evoluzione nei batteri: il mecca…

Anche se le fonti di dive…

SIDERO Onlus: 8 milioni di itali…

I sintomi vengono spesso …

Panoptes Pharma e Mediolanum Far…

Milano, 9 Febbraio 2015 –…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Difetti congeniti cardiaci già presenti nel feto

Le origini di difetti congeniti al cuore potrebbero essere rintracciate nei primi stadi dello sviluppo embrionale. La ricerca della University of East Anglia e’ stata pubblicata su ‘PLoS One’. Lo studio mostra che la costruzione iniziale di parti importanti del cuore comincia in stadi dello sviluppo embrionale molto precoci.difetti_cardiaci
Gli scienziati hanno analizzato uova di polli allo stadio della ‘gastrulazione’, ossia fra 12 e 14 ore dopo la fertilizzazione, e hanno trovato qualche cellula che, successivamente, sarebbe potuta andare a formare parti anteriori e secondarie del cuore, dopo l’iniziale formazione di un primitivo abbozzo di muscolo cardiaco.

“Abbiamo effettuato le nostre ricerche in embrioni di gallina, ma il processo di sviluppo degli umani e’ molto simile”, ha spiegato Andrea Munsterberg, fra gli autori dello studio, “tuttavia mentre lo stadio della gastrulazione accade dopo poche ore in questi animali, prende piu’ tempo negli uomini e si verifica intorno alla terza settimana di gestazione. Quello che abbiamo imparato da questi embrioni potra’ essere applicato anche allo sviluppo umano – ha aggiunto l’esperto – e potrebbe portarci a identificare quei fattori che possono essere responsabili di anomalie in queste cellule progenitrici dei cardiomiociti e che portano a difetti cardiaci congeniti”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi