Curcuma: studio sul potere rigen…

La nota spezia, già ogget…

29 OTTOBRE 2009: V GIORNATA MOND…

Annunciato da Alice I…

Gene di parassita suino utile co…

Vermi parassiti di suini …

Dolore, necessaria rivoluzione c…

Sigg e Siot promuovono,…

Cereali a colazione: per tenere …

Fare colazione è importan…

Tumori cerebrali: stimolare il c…

Un gruppo di ricercatori…

Embolia polmonare: meglio rileva…

Una nuova ricerca dimost…

Il delicato momento della divisi…

[caption id="attachment_9…

Un batterio controllato da genom…

[caption id="attachment_7…

Ricerca medica avanzata in linea…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fertilità maschile: la media di produzione di spermatozoi è scesa in 20 anni del 32%

Gli uomini di oggi producono in media un terzo degli spermatozoi in meno rispetto a venti anni fa. O, almeno, il discorso sembra valere per gli uomini francesi, sui quali è stato condotto lo studio, pubblicato sulla rivista Human Reproduction.

I ricercatori francesi hanno monitorato tra il 1989 e il 2005 la produzione di spermatozoi di più di 26600 uomini di età compresa tra i 18 e i 70 anni, constatando che il numero di spermatozoi per millilitro prodotti in media da un 35enne nel 1989 è sceso dai 73,6 ai 49,9 milioni di un pari età nel 2005, per un decremento totale del 32,3% (a un tasso di circa l’1,9% l’anno). Inoltre è stata messa in evidenza una significativa diminuzione (33,4%) della percentuale di spermatozoi normalmente sviluppati.

Uno degli autori dello studio, Joelle Le Moal, epidemiologo, spiega: «A nostra conoscenza, questa è la prima ricerca che studia la diminuzione nella concentrazione degli spermatozoi e le problematiche legate alla loro morfologia in un intero Paese, in un determinato periodo. Questi risultati rappresentano un serio problema di salute pubblica. In particolare, per capirne i motivi sarà necessario mettere in evidenza il collegamento di questi cambiamenti con l’ambiente circostante».

Secondo i ricercatori il perché di questa diminuzione non è ancora chiaro. Probabilmente a fare la differenza sono un insieme di fattori: «Ancora non sappiamo quali siano le motivazioni – spiegano i ricercatori – ma forse la più probabile è una combinazione di cambiamenti, come una dieta ricca di grassi in combinazione con l’aumento alle esposizioni chimiche ambientali».

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!