Dall'USA il primo vaccino contro…

[caption id="attachment_7…

La tendenza ad ingrassare, compl…

[caption id="attachment_…

Vaccini per il morbillo inaspett…

[caption id="attachment_8…

Nuove Soluzioni Gestionali In Ne…

Creazione di sinergie tra…

Sindrome di Paget - dolore croni…

[caption id="attachment_7…

Epatite C: in arrivo nuovi farma…

È una macchina, capace di…

Sanita': 'Save the Skin', asta o…

Si chiama "Save the Skin"…

Parassita della malaria: distrug…

Con la continua riduzione…

Gardasil®: il Comitato Europeo p…

I dati di immunogenicità …

Quando il cuore inizia i primi b…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Prima lente in provetta con cellule staminali

Dopo la prima retina in provetta, tutto e’ pronto per coltivare in laboratorio la lente dell’occhio umano. Sono stati infatti isolati per la prima volta i tessuti embrionali dai quali si sviluppa la lente dell’occhio umano. Il risultato, pubblicato sulla rivista Stem Cell Traslational Medicine, si deve alla ricerca fatta in Australia dall’italiana Isabella Mengarelli, del gruppo dell’universita’ di Monash a Melbourne, coordinato dall’italiano Tiziano Barberi.retina
‘Non siamo i primi a dimostrare la derivazione del tessuto della lente dalle cellule staminali embrionali, ma siamo i primi ad avere isolato e purificato le cellule che danno origine alla lente’, ha detto Barberi. Se i ricercatori giapponesi sono riusciti a coltivare in provetta la retina tridimensionale di topo e di uomo a partire dalle cellule staminali embrionali, per la lente il processo e’ ancora agli inizi.


‘Finora siamo riusciti ad isolare le cellule dell’epitelio della lente e a purificarle’, ha spiegato Barberi. ‘Ottenere una lente rudimentale – ha osservato – non e’ facile perche’ non si tratta di costruire un tessuto, ma una secrezione di cellule capace di dare origine ad una struttura trasparente’. In pratica, mentre le cellule muoiono secernono un insieme di proteine destinate a formare lo strato trasparente che protegge l’occhio.
Tra le possibili applicazioni, una delle piu’ promettenti e’ la cura di malattie come la cataratta congenita, distinta da quella che si manifesta con l’avanzare dell’eta’. A breve, ha osservato Barberi, si prevede di trasferire le cellule embrionali che formano la lente in animali con un difetto della vista, in modi che si rigenerino dando origine alla lente.

Soltanto in futuro, quando ci sara’ la tecnologia per coltivare in provetta una lente tridimensionale, si potra’ pensare ad un trapianto. La ricerca, secondo Barberi, e’ una dimostrazione ulteriore di come ‘con le cellule staminali embrionali si possa fare veramente di tutto: e’ solo una questione di studiare i modi per far si’ che le cellule si formino’. In Australia dal 2009 dopo aver lavorato a lungo negli Stati Uniti, il ricercatore e’ da sempre impegnato nella ricerca sulle staminali embrionali: ‘in Italia – ha concluso – queste ricerche sono impossibili perche’ lavorare sulle cellule staminali embrionali e’ vietato’.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi