Depressione: è la prima causa de…

Il male oscuro colpisce o…

Nuova proceduta anti-ictus negli…

[caption id="attachment_9…

Resveratrolo contrasta l'insorge…

Il resveratrolo, una mole…

MELANOMA: LA MOLECOLA CHE ATTACC…

[caption id="attachment_9…

Alzheimer: uno dei primi segni è…

Gli individui hanno piu' …

Melanoma: scoperte delle associa…

Due nuovi studi pubblicat…

Nicotina: il meccanismo della di…

La presenza di una variaz…

Elisir di giovinezza nel proprio…

[caption id="attachment_5…

Tumore alla prostata: sopravvalu…

Nuovi dati emersi da un a…

Il più piccolo sistema di monito…

Disponibile in Italia il …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Test delle ghiandole salivari per la diagnosi del Morbo di Parkinson

Le proteine anomale associate alla malattia presenti nelle ghiandole salivari. Primi passi per un test su pazienti in vita
ghiandole_salivari
Nella bocca una promettente spia del morbo di Parkinson. Nuove ricerche suggeriscono che testare una porzione della ghiandola salivare in futuro potrebbe diventare un modo per diagnosticare la malattia neurologica. Lo studio, finanziato dalla Michael J. Fox Foundation e condotto dai ricercatori della Mayo Clinic Arizona, sarà presentato a San Diego in marzo, in occasione del meeting annuale dell’American Academy of Neurology.
TEST SULLE GHIANDOLE SALIVARI – «Attualmente non ci sono test diagnostici per il Parkinson – sottolinea Charles Adler, della Mayo Clinic Arizona – Noi avevamo mostrato, analizzando le autopsie dei malati, che le proteine anomale associate con la malattia sono presenti in modo consistente nelle ghiandole salivarie submandibolari, sotto la mandibola inferiore.


Ebbene, questo è il primo studio che dimostra il valore del test di una porzione di ghiandola per diagnosticare la malattia in una persona ancora in vita. Poter fare una diagnosi in vita – evidenzia – rappresenta un grande passo avanti per migliorare la comprensione e il trattamento della patologia».

LO STUDIO – Il lavoro ha incluso 15 persone con in media 68 anni, malate di Parkinson da 12 anni, che rispondevano alle cure e non avevano una storia di patologie delle ghiandole salivari. Sono state condotte delle biopsie da due aree, quella al di sotto della mascella inferiore e quella, più piccola, nel labbro inferiore. I tessuti sono stati esaminati in cerca di tracce delle proteine anomale nel Parkinson. Ebbene, se nelle prime biopsie i ricercatori – che stavano ancora perfezionando la tecnica – non hanno ottenuto tessuto sufficiente per completare il test, le proteine nel mirino sono state rilevate in 9 degli 11 campioni validi. Sono necessarie ulteriori analisi, dicono gli autori, ma il tasso di rilevazioni positive nelle biopsie è maggiore se i prelievi sono eseguiti nelle ghiandole della mascella inferiore. Tanto che «lo studio fornisce la prima prova diretta per l’uso di questo tipo di biopsia come test diagnostico per il Parkinson in pazienti ancora in vita», dice Adler. (fonte: Adn-Kronos Salute)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi