SITIP: Al via il 13° Congresso N…

13° Congresso Nazionale …

Obesita' nei bambini e' patologi…

[caption id="attachment_7…

Cervarix contro le forme piu' ag…

[caption id="attachme…

Cancro: allo studio un vaccino p…

[caption id="attachment_3…

Apnea notturna e Alzheimer: qual…

Un nuovo studio trova c…

Mercoledì 1 ottobre: Prima Giorn…

Kledi Kadiu si esibisce a…

Vit. D, come Di Bella (?)

[caption id="attachment_9…

Arriva il contraccettivo dei cin…

[caption id="attachment_8…

Vescica iperattiva: riguarda 5 m…

In Italia sono oltre cin…

Lupus: gli immunosoppressori pre…

Le persone che assumono …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Autismo: il deficit che si può rilevare dai sei mesi

E’ possibile rilevare i deficit di attenzione a partire dai sei mesi di vita nei bambini che svilupperanno col tempo i disturbi dello spettro autistico. autismoLa scoperta e’ stata effettuata da un team di ricercatori dell’Universita’ di Yale e descritta in un articolo pubblicato sulla rivista ‘Biological Psychiatry’. I risultati dello studio dimostrano che a sei mesi i neonati che un giorno soffriranno di autismo dedicano meno attenzione alle persone intorno e alle loro attivita’ rispetto ai coetanei che non svilupperanno disturbi dello spettro autistico.


Lo studio ha cercato la presenza di sindromi prodromici – i primi segni di disturbi dello spettro autistico – nei bebe’ di sei mesi d’eta’. I bambini ai quali e’ stato successivamente diagnosticato l’autismo mostravano gia’ a sei mesi una ridotta capacita’ di partecipare alle attivita’ sociali proposte dall’esterno. Si tratta della prima ricerca a dimostrare la presenza dei sintomi prodromici nel primo anno di vita del bambino. I risultati offrono nuovi parametri di riferimento per individuare i bambini piu’ a rischio dei disturbi autistici gia’ dai primi sei mesi.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!