Nascituri pretermine a rischio a…

I bambini che sono nati p…

Telethon individua terapia farma…

Il gruppo di ricerca…

Toxoplasma: le strategie biochim…

[caption id="attachment_1…

Colesterolo e infertilità: una m…

Una mutazione del gene ch…

La FDA approva il primo farmaco …

La Food and Drug Administ…

Ipertrigliceridemia: alla base u…

[caption id="attachment_8…

Mens sana in corpore senza fumo:…

Roma, 13 marzo 2014 – Sem…

Gestione del dolore, istruzioni …

 La guerra contro la soff…

Disturbi alimentari: le dimensio…

La dimensione di alc…

Ferite difficili: sostituti cuta…

Incoraggianti prospettive…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Donne tecno-dipendenti più a rischio dei mal di testa frequenti


‘Scusa caro, ho un cerchio alla testa’. La giustificazione femminile per antonomasia, di fronte alle avances maschili, non è un alibi ma nasconde nella maggior parte dei casi un dolore reale. Un’indagine condotta in Gb da Mintel, società di ricerche di mercato, conferma infatti che il mal di testa è un problema che colpisce più lei di lui: il 73% delle donne ha sofferto di mal di testa negli ultimi 6 mesi, contro il 62% degli uomini.Coloured scintigram of metastatic brain tumour E un quinto delle donne ha dovuto far fronte a un attacco di emicrania. Ma l’indagine punta il dito anche contro l’abuso delle nuove tecnologie: le troppe ore trascorse in compagnia di pc, tablet e smartphone hanno effetti negativi sulla salute, avvertono gli autori del sondaggio riportato dal ‘Telegraph’.
Dalla ricerca emerge che gli studenti sono la fascia d’età più soggetta a mal di testa (76%), sia per il carico di lavoro mentale che devono affrontare sia perché trascorrono più tempo tra computer e telefonino. Analizzando l’utilizzo di farmaci antidolorifici da banco, infine, risulta che i più vulnerabili agli ‘acciacchi’ sono i giovani genitori, per lo stress legato all’accudimento dei bimbi piccoli.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!