Genomi fossili di tre miliardi d…

[caption id="attachment_1…

Aviaria killer in Cina:

Anche una donna in fin di…

Cervello: uomini e topi condivid…

Uomini e topi ragionano a…

Alzheimer: nei casi ereditari si…

Scienziati della Was…

Malattie neurodegenerative: un n…

[caption id="attachment_1…

Laser a bassa frequenza per bruc…

[caption id="attachment_6…

Scarsi livelli di vitamina B1 e …

Gli scienziati avvertono …

Olio extravergine di oliva: alle…

[caption id="attachment_7…

Allo studio una proteina blocca …

[caption id="attachment_9…

Sindrome di Rett: fragranze rice…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cannabis: non considerarla “droga scura” (ADUC)


Secondo uno studio dell’Universita’ di Montreal la natura del cervello degli adolescenti fa si’ che questa particolare fascia di popolazione sia specialmente a rischio di sviluppare dipendenze e soffrire di effetti negativi a lungo termine a causa della cannabis. E’ quindi scientificamente inaccurato vedere la marijuana come una sorta di ‘droga sicura’, si legge sulla rivista Neuropharmacology.
Tetraidrocannabinolo, 3D

Tetraidrocannabinolo, 3D


Gli scienziati sono arrivati a queste conclusioni dopo aver passato in rassrgna oltre 12o studi che indagavano a differenti livelli la relazione fra la cannabis e il cervello degli adolescenti, inclusa la biologia del cervello, le razioni chimiche che si verificano nel cervello quando la droga viene consumata, l’influenza della genetica e i fattori ambientali.

“I dato dagli studi epidemiologici mostrano ripetutamente una associazione fra uso di cannabis e successiva dipendenza dalle droghe pesanti e psicosi come la schizofrenia. Quando la prima esposizione avviene in giovinezza, da adolescenti, l’impatto della cannabis sembra capace di peggiorare gli effetti sulla salute mentale” ha spiegato Didier Jutras-Aswad, fra gli autori dello studio.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi